Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2018: Cherchez la femme | invito a partecipare
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 143 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat May 19 19:18:32 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La luce che vi fu

di Graced
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/02/2018 16:25:41

 

Si è fatta notte

e giro ancora per la stanza,

fuori regna un’atmosfera irreale,

tutto è ammantato di bianco:

sembra zucchero filato.

 

I suoni sono attutiti,

i lampioni lambiscono con la loro luce

tutte le cose.

 

Tra me e me scorrono fiumi di parole

respirando al ritmo del mio sangue

che scorre in palpiti di inquietudini

investendo l’eco del mio canto.

 

In un’analisi veritiera

 scevra da schemi e preconcetti,

penso che serva

incastrare tasselli al posto giusto

per avere un’inquadratura di prospettiva

del puzzle della mia esistenza,

alzando quel velo che genera ombre

in cui si nascondono distanze d’intenti

che sarà meglio definire.

 

Aprirò alla calda carezza del sole

nell’attesa che ritorni

la luce che vi fu.

 

Grazia Denaro

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Graced, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Osservando la notte (Pubblicato il 19/05/2018 08:24:41 - visite: 80) »

:: In un’estasi di vita (Pubblicato il 18/05/2018 18:09:44 - visite: 69) »

:: Né vita né ritorno (Pubblicato il 16/05/2018 18:14:36 - visite: 96) »

:: Pe un attimo soltanto (Pubblicato il 14/05/2018 08:25:47 - visite: 77) »

:: Musica dolcissima e controcanto (Pubblicato il 12/05/2018 18:54:14 - visite: 80) »

:: L’iter dell’esistenza (Pubblicato il 10/05/2018 14:42:58 - visite: 110) »

:: Del tuo frumento mi sono nutrita [A mia Madre] (Pubblicato il 08/05/2018 10:51:19 - visite: 106) »

:: Fu dolce quell’ora (Pubblicato il 06/05/2018 17:16:54 - visite: 94) »

:: Il mio corpo diviene arpa (Pubblicato il 02/05/2018 17:53:01 - visite: 110) »

:: Stringimi (Pubblicato il 27/04/2018 17:04:11 - visite: 78) »