Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 204 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Dec 14 18:05:58 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Per la verità ci vogliono le palle

di Giovanni Rossato
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/04/2018 22:41:16

 

 

Per la verità ci vogliono le palle,

devi bere litri di vino,

ucciderti con tante sigarette

sbraitare dietro alla luna,

lasciarti morire per una donna.

 

Occorre…

Saper sperare e

disperare

ogni attesa.

 

Occorre non leggere quasi nulla

e ascoltare ancor meno,

non ascoltarsi nemmeno.

 

E quando senti di avere qualcosa da dire

bere un bicchiere di vino.

 

E ricordati quando pensi alla luna e alle stelle

come sono morti in tanti di quelli che hai conosciuto,

non ci sono speranze,

non ci sono bei ricordi;

dritto in faccia alla vita,

devi guardare.

 

E se non ti bastano le morti,

ricordati che sei banale:

un povero cretino in posa,

ogni volta che cerchi di commuoverti.

 

E ricordati degli amici che sono andati

e di cui non sai dire.

 

E ricordati di aspettare

sapendo che non c’è nulla da aspettare

come quando sul water ti prende la stitichezza.

 

E ricordati,

che con o senza una causa tutti sono morti invano

e non c’è destino

e non luna, non stelle e cieli con o senza sole

a cui impetrare le tue preghiere

come non ci sono preghiere da dire

e Claudio che non vede

e Gianluca che non vede e non capisce ma vive

e tutti quelli che sono inutili,

(praticamente tutti),

anche quelli che pensano di valere

di servire a qualcosa.

 

I nomi diventano ricordi,

ricordati che nessun libro è la verità

e men che meno tu,

libro senza pagine,

eppure vai,

eppure vai,

senza risposte,

senza la forza di una convenzione;

 

eroe inutile

testimone silenzioso.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giovanni Rossato, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Che la luce resti accesa (Pubblicato il 15/12/2018 10:33:47 - visite: 13) »

:: Parallelo (Pubblicato il 10/12/2018 22:25:33 - visite: 38) »

:: Stare in piedi da soli (Pubblicato il 04/12/2018 18:41:10 - visite: 38) »

:: Ritus - irritus (Pubblicato il 30/11/2018 23:19:34 - visite: 38) »

:: E’ inutile aspettare (Pubblicato il 30/11/2018 22:51:18 - visite: 42) »

:: XXX Hard core (Pubblicato il 21/11/2018 17:00:28 - visite: 67) »

:: Potesse il cielo (Pubblicato il 03/11/2018 22:47:20 - visite: 64) »

:: Un sacchetto di ricordi (Pubblicato il 03/11/2018 22:44:07 - visite: 46) »

:: Per non conoscermi (Pubblicato il 29/10/2018 18:40:23 - visite: 76) »

:: A volte (Pubblicato il 24/10/2018 19:35:17 - visite: 55) »