Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 147 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Oct 18 07:29:10 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il rumore dell’acqua.

di Domenico Romagnuolo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/06/2018 12:45:07

Che notte!

Roboanti tuoni e fulmini a seguire!

Lo scrosciare incessante della pioggia

sui vetri appannati e sui tetti

non lascia stare tranquilli.

Improvvisamente poi, il silenzio.

Solo il gorgoglio dell'acqua

caduta in grande quantita'

che cerca con foga di non cadere

fuori dalla grondaia

ma nel tubo intasato dalle foglie

portate a frotte li' dal vento.

Non disturba, anzi concilia il sonno

il gocciolare,a tempo, sul davanzale.

E' alba ormai,bisogna uscir fuori

a respirare aria fresca.

Nel vicino orticello alcune lumache

sono uscite in cerca di cibo,

talvolta schiumando,aiutate

dall'erba bagnata dallo "scroscione".

In cielo, splendendo il sole,

volteggiano le rondini a caccia d'insetti

mentre nel cortile di casa

iniziano a farsi sentire cani

buoi e  maiali.Persino le anatre

si sono messe a starnazzare.

Dalle finestre spalancate la voce

della "vergara"si fa sentire 

mentre il profumo del minestrone

messo a cuocere di primo mattino

riporta alla mente gli odori

che, in passato, non zittivano il sapor di fame.

Infanzia, cara infanzia, custode di immagini,

non cancellare tutto quanto visuto

ma riportalo al presente e ascolta,

ascolta di notte,caduta la pioggia,

il rumoue dell'acqua.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Domenico Romagnuolo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il potere del silenzio. (Pubblicato il 06/08/2018 14:44:54 - visite: 85) »

:: E’ caldo! (Pubblicato il 30/07/2018 16:09:15 - visite: 88) »

:: Il pudore della notte. (Pubblicato il 20/06/2018 12:47:25 - visite: 142) »

:: Le due cugine. (Pubblicato il 30/05/2018 12:44:37 - visite: 165) »

:: Quel Dio Unico. (Pubblicato il 16/05/2018 11:05:02 - visite: 165) »

:: Ho consumato... (Pubblicato il 08/05/2018 12:40:05 - visite: 150) »

:: Quel paese... (Pubblicato il 26/04/2018 11:15:39 - visite: 182) »

:: Ti ho vista. (Pubblicato il 17/03/2018 10:39:46 - visite: 199) »

:: Sui rami di quercia. (Pubblicato il 07/03/2018 13:36:06 - visite: 187) »

:: Chiudi gli occhi. (Pubblicato il 25/01/2018 12:19:01 - visite: 254) »