Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 126 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jun 15 14:07:05 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il dramma di Dacca

di Tania Scavolini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/06/2018 12:32:39

IL DRAMMA DI DACCA ( Dal libro Urla dal silenzio)

 

 Bambini

 a cui è negata l’INFANZIA,

 un lavoro duro e poco guadagno

 per far ingozzare le grandi Firme,

 appagando la vanità del mondo.

 Bambini

 a cui è negata la SCUOLA,

 senza quaderni su cui scrivere

 le loro firme più preziose,

 nascosti tra le mura della fabbrica.

 Bambini

 a cui è negato il GIOCO,

 unico svago possibile

 correre lungo il percorso

 dalla fabbrica alla baracca…

E poi al contrario

 sperando forse di perdersi,

 per sfuggire al sommerso

 DRAMMA di DACCA.

 

 Le fabbriche irregolari producono abbigliamento messo in vendita a livello locale ma anche capi per le grandi marche internazionali, attraverso dei subappalti che rendono difficile capire quale sia la reale provenienza dei prodotti.

 I bambini, di età compresa tra i 10 e i 14 anni, sono obbligati a lavorare tutti i giorni dall’alba al tramonto e dunque non possono frequentare la scuola.

 A condizioni di sicurezza inesistenti, costretti a lavorare in Bangladesh sono circa 1 milione secondo l’UNICEF, ma il numero in realtà sarebbe molto più alto. (tratto dal libro Urla dal silenzio)

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Tania Scavolini, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ci sono stanze quasi vuote (Pubblicato il 23/04/2019 10:47:06 - visite: 58) »

:: Linea di confine -tra il bianco e il blu- (Pubblicato il 23/04/2019 10:45:30 - visite: 33) »

:: Ti invoca ancora, Primavera (Pubblicato il 23/04/2019 10:43:54 - visite: 27) »

:: Cosa ti salverà (Pubblicato il 15/04/2019 12:40:14 - visite: 59) »

:: Fuori c’è il sole (Pubblicato il 15/04/2019 12:36:37 - visite: 38) »

:: I miei domani (Pubblicato il 15/04/2019 12:34:50 - visite: 41) »

:: Come una maschera (Pubblicato il 21/02/2019 12:49:20 - visite: 84) »

:: La sua storia (Pubblicato il 21/02/2019 12:46:52 - visite: 50) »

:: Pare solo ieri (Pubblicato il 14/02/2019 12:39:56 - visite: 114) »

:: Te saluto Roma mia (Pubblicato il 04/02/2019 15:28:48 - visite: 124) »