Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 41 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri May 24 18:37:26 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ci sono stanze quasi vuote

di Tania Scavolini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 23/04/2019 10:47:06

Ci sono stanze quasi vuote,

 affollate dei tuoi ricordi alla rinfusa

 in cui si consumano voragini d'affetto

 e profondi abissi d'incomprensione.

 

 Ci sono stanze troppo bianche

 con letti di metallo e una sola sedia,

 in cui avvolgersi in un finto abbraccio

 a cui aggrapparsi per non cadere giù.

 

 Ma la mente rotola e rotola senza freno

 in sequenza di parole e parole, parole...

 E quel ch'è ricevuto nell'infanzia

 diventa un gigante che ti schiaccia,

 

 un fantasma che nella fantasia s'affaccia

 e ti sussurra che sei solo,

 anche se nella testa sei in tanti.

 

 Sei solo, ma ritrovi la compagnia di te bambino,

 ti tritrovi in quelle mancanze che non capivi

 e ora sono macigni a piombare sul tuo cuore.

 

 E poi lo scacci quel fantasma,

 frutto solo della tua disperazione,

 si disperde tra le mura della bianca stanza,

 anche se ancora dentro di te lo cerchi,

 per la prima volta ti accorgi forse

 di aver ricominciato a vivere.

 

 23aprileduemila19


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Tania Scavolini, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Linea di confine -tra il bianco e il blu- (Pubblicato il 23/04/2019 10:45:30 - visite: 24) »

:: Ti invoca ancora, Primavera (Pubblicato il 23/04/2019 10:43:54 - visite: 23) »

:: Cosa ti salverà (Pubblicato il 15/04/2019 12:40:14 - visite: 45) »

:: Fuori c’è il sole (Pubblicato il 15/04/2019 12:36:37 - visite: 27) »

:: I miei domani (Pubblicato il 15/04/2019 12:34:50 - visite: 25) »

:: Come una maschera (Pubblicato il 21/02/2019 12:49:20 - visite: 72) »

:: La sua storia (Pubblicato il 21/02/2019 12:46:52 - visite: 42) »

:: Pare solo ieri (Pubblicato il 14/02/2019 12:39:56 - visite: 100) »

:: Te saluto Roma mia (Pubblicato il 04/02/2019 15:28:48 - visite: 103) »

:: I miei colori (Pubblicato il 04/02/2019 15:27:11 - visite: 86) »