Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 69 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Dec 16 08:15:18 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’ombra del noce e il nocino - con aggiustamenti -

di Armando Bettozzi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/08/2018 00:16:19

Armando Bettozzi 

 

con piccoli aggiustamenti

 

"L’ ombra del noce

e il nocino"

 

L’ombra di chioma fronduta del noce

dà generosa frescura a sole alto

quando soltanto è il frinir di cicale

a segnalare la vita all’intorno.

 

Pure, non c’era momento migliore

per me pe’ abbatter, scrollandoli, i malli,

donde il buon frutto legnoso sortiva

pieno di buone promesse odorose.

 

Ne disegnava i contorni sull’aia,

e improfumavano – l’ombra, e la terra -

il denso aroma che l’aria inebriava

e – già – l’idea del divin suo nocino.

 

E se - seppure leggero - per caso

un soffio d’aria agitava le foglie,

l’ombra prendeva, e gentile ridava

quel po’ in più di fresco, tanto cercato.     

 

Poi, distillava – mio padre, sapiente,

il succo del mallo, in mostra esibito

nella vetrina lì in sala da pranzo,  

dentro il buffet, lucidato, con specchio.

 

Armando Bettozzi

 8 agosto 2018


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Armando Bettozzi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Allo scader del tempo (Pubblicato il 03/12/2018 07:41:38 - visite: 20) »

:: Al lume di luna (Pubblicato il 03/12/2018 07:35:24 - visite: 12) »

:: La margherita e la rosa (Pubblicato il 16/11/2018 22:03:59 - visite: 43) »

:: Chi ’n capisce...chi nun sa... (Pubblicato il 16/11/2018 21:57:34 - visite: 29) »

:: Abbasterebbe poco (Pubblicato il 13/11/2018 19:06:10 - visite: 27) »

:: Burograzzìe e burògrati der...cacio (Pubblicato il 13/11/2018 19:01:22 - visite: 26) »

:: Limiti...finarmente! (Pubblicato il 10/11/2018 15:18:40 - visite: 35) »

:: Li limiti dell’ òmo (Pubblicato il 10/11/2018 11:48:52 - visite: 33) »

:: Poesie per il 2 Novembre (Pubblicato il 09/11/2018 16:00:44 - visite: 47) »

:: Flamenco! (Pubblicato il 09/11/2018 15:51:40 - visite: 23) »