Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 98 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Dec 15 09:02:41 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ombre Morte

di Carlo Rossi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/08/2018 13:55:06

Ombre morte

 

Ho pensato un ricordo di noi, c'era il mare

Mentre migravo per incontrarmi con la notte

Nella tardecita qui, invece, sul lago.

Rincorrevo ombre morte .

A tratti il cuore sobbalzava nel pensiero

Di questo ricordo

Che sussurrava di noi,

Ad un orecchio distante,

Un po’ assopito dalla malinconia

Di questo tramonto di lago estivo, straneante.

E non vorrei averti detto tutte le parole

Che non si dovrebbero neanche immaginare ad un amante.

Ma che sono state dette per curare ferite aperte

Col coltello della gelosia

O della pigrizia di voler amare.

E ancora. Non hai svoltato dietro l’angolo, per questo ti amo.

Muto riguardo il pensiero di questo ricordo

Arrivato, forse, ma non credo, ad un capolinea.

E non mi chiedo dove sarà il futuro.

Se ancora ci sarai, se ci sarà un noi,

Per noi .

M’infurierò solo per un giorno

Di mancata felicità, d’ora in poi.

Sei ragione per vivere, se devo vivere.

Ho sognato di me da bambino

Forse già ti cercavo.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Carlo Rossi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Santo Natale 2018 (Pubblicato il 10/12/2018 11:13:44 - visite: 23) »

:: Marco Polo errante (Pubblicato il 29/11/2018 14:31:28 - visite: 36) »

:: Il freddo nel vento (Pubblicato il 28/11/2018 15:28:31 - visite: 29) »

:: Così come la Goccia (Pubblicato il 23/11/2018 09:12:57 - visite: 42) »

:: Rosa a Novembre (Pubblicato il 20/11/2018 13:13:08 - visite: 42) »

:: Come sul Carso (Pubblicato il 12/10/2018 12:48:57 - visite: 78) »

:: Halleluja (Pubblicato il 27/09/2018 14:35:54 - visite: 77) »

:: I giorni in terra e le notti in cielo (Pubblicato il 18/09/2018 10:36:48 - visite: 69) »

:: Se ti sentisse il diavolo (Pubblicato il 17/09/2018 09:47:18 - visite: 75) »

:: La notte delle stelle cadenti (Pubblicato il 27/08/2018 11:50:57 - visite: 105) »