Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 73 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Dec 10 05:01:01 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sogno

di Armando Bettozzi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/10/2018 15:43:45

Armando Bettozzi

 

Sogno

 

Poco ho dormito in questa notte insonne,

dove ho vagato in mezzo ad un alone

di nebbia sparsa, sfilacciata o densa,

tra un bosco scuro, e una radura accesa

da lucciole leggere e silenziose.

 

Pareva mi volessero far luce

vedendomi cercare un qualche cosa...

Cercavo forse quel che il giorno andato

m’aveva fatto avere, e poi ripreso

nel ritirarsi pe’ alloggiar la notte.

 

Pareva come stessi in mezzo a un sogno,

però tutto appariva assai reale,

ne dubitavo, ma ero lì presente

e il cuor batteva...mentre nebbia scura

mi ricopriva tutto come un velo...

 

Come ghiacciare allor mi son sentito,

e ho aperto gli occhi...ma dormivo ancora...

Finché s’è trasformata in una fata

la lucciola più bella e luminosa,

e nel sonno, ho abbracciato la mia sposa.

 

Armando Bettozzi

   6 agosto 2018


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Armando Bettozzi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Allo scader del tempo (Pubblicato il 03/12/2018 07:41:38 - visite: 15) »

:: Al lume di luna (Pubblicato il 03/12/2018 07:35:24 - visite: 9) »

:: La margherita e la rosa (Pubblicato il 16/11/2018 22:03:59 - visite: 39) »

:: Chi ’n capisce...chi nun sa... (Pubblicato il 16/11/2018 21:57:34 - visite: 25) »

:: Abbasterebbe poco (Pubblicato il 13/11/2018 19:06:10 - visite: 27) »

:: Burograzzìe e burògrati der...cacio (Pubblicato il 13/11/2018 19:01:22 - visite: 23) »

:: Limiti...finarmente! (Pubblicato il 10/11/2018 15:18:40 - visite: 31) »

:: Li limiti dell’ òmo (Pubblicato il 10/11/2018 11:48:52 - visite: 29) »

:: Poesie per il 2 Novembre (Pubblicato il 09/11/2018 16:00:44 - visite: 44) »

:: Flamenco! (Pubblicato il 09/11/2018 15:51:40 - visite: 21) »