Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 94 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 9 18:53:59 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

E’ inutile aspettare

di Giovanni Rossato
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/11/2018 22:51:18

 

 

Succede che

non è mai successo,

succede che non avevo capito

 

e le parole cadono nel vuoto,

incapaci di rialzarsi

come i tralci di vite

cadono sulla terra

e non daranno frutto,

non sono stati scelti

nella potatura

 

la terra raccoglie tutti i fallimenti

(più giù non si può andare),

 

aspetta,

senza guardarti negli occhi.

 

Forse non c’era la stessa attesa

nelle tue parole,

 

dette, dette abbastanza

senza un’aspirazione

un di più dove andare

 

anche la pioggia cade,

cade sulla terra

per lo più ritorna al cielo

 

ma la terra ritorna,

ritorna sempre,

come prima.

 

Saranno prati,

 

anche bagnati dalle nostre lacrime,

poco,

poco di più.

 

E’ senz’altro inutile,

inutile aspettare

 

perché il domani

è solo da guardare.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giovanni Rossato, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Dacci dentro ancora, dai! (Pubblicato il 13/04/2019 14:52:06 - visite: 33) »

:: L’algoritmo (Pubblicato il 12/04/2019 17:55:09 - visite: 25) »

:: Platone va giù bene col prosecco (Pubblicato il 11/04/2019 16:13:49 - visite: 24) »

:: Cammini (Pubblicato il 05/04/2019 16:53:53 - visite: 44) »

:: Scafatamente (Pubblicato il 05/04/2019 16:46:47 - visite: 31) »

:: E dicono sia impossibile (Pubblicato il 29/03/2019 15:57:10 - visite: 59) »

:: Imparare (Pubblicato il 29/03/2019 15:55:14 - visite: 36) »

:: Meditazioni sulla strada comunale (Pubblicato il 22/03/2019 23:09:22 - visite: 44) »

:: Fiducia (Pubblicato il 21/03/2019 18:15:56 - visite: 32) »

:: Guarda più in là! (Pubblicato il 15/03/2019 15:50:06 - visite: 63) »