Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 82 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon May 13 15:44:04 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Madre e matrigna

di Elio Zago
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/12/2018 11:52:27

Oh Natura,

madre

di tutte le creature!

Quando ti mostri

al mattino

splendida

ai raggi del sole

il cuore s’illude

che la vita

sia un facile percorso

e una promessa

di lunga felicità.

Ma presto appare

una realtà

diversa.

Le infinite malattie

e le altre inevitabili disgrazie

l’invidia che rode

chi vede

le tantissime disuguaglianze

sociali ed economiche

il potere arbitrario

o mal gestito

che genera odio

in chi ne è soggetto

il progressivo decadimento

del corpo

e moltissime altre ragioni

svelano presto

l’inganno.

Dopo averli colpevolmente

illusi

mostri l’altra tua faccia

di matrigna

e di tantissimi

ingenui

tuoi viandanti

ogni giorno

ti liberi

senza badare all’età

per fare posto

a chi si affaccia

alla vita

e non dovrà aspettare

molto tempo

per avere un amaro

identico

disinganno.

 

(settembre 2018)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Elio Zago, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Politeismo o monoteismo? (Pubblicato il 08/05/2019 10:28:08 - visite: 28) »

:: Primavera (Pubblicato il 26/04/2019 09:48:11 - visite: 26) »

:: Un dono (Pubblicato il 01/03/2019 10:05:18 - visite: 73) »

:: Un altro giorno (Pubblicato il 06/02/2019 18:00:18 - visite: 66) »

:: La cattiveria (Pubblicato il 30/01/2019 18:31:18 - visite: 91) »

:: Con una rosa in mano (Pubblicato il 16/01/2019 16:38:55 - visite: 62) »

:: Il pranzo di Natale (Pubblicato il 25/12/2018 10:47:27 - visite: 69) »

:: Ricorrente pensiero (Pubblicato il 29/10/2018 16:54:19 - visite: 108) »

:: Quando il cielo si oscura (Pubblicato il 23/10/2018 12:10:52 - visite: 61) »

:: Natura crudele (Pubblicato il 11/09/2018 15:49:57 - visite: 80) »