Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 94 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Mar 15 21:50:15 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Nella mente di Dio

di Giovanni Rossato
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/01/2019 09:07:48

Nella mente di Dio

era già scritto un progetto

imperscrutabile ai nostri occhi

data, giorno, ora, minuto,

e il secondo persino

di ogni cadenza della tua vita;

c’era anche l’attimo della tua morte

scritto li.

 

Non ci è dato conoscere

neppure nella tua mente,

cosa vivevi e pensavi,

non sappiamo.

 

Ti abbiamo visto

perderti con noi nei giorni:

navigare su acque profonde

camminare sulle secche

della vita,

camminare sulla terra, con noi.

 

I tuoi piedi hanno calcato

queste strade,

le ore hanno segnato

il passare dei giorni,

e le labbra si son fatte secche

gli occhi stanchi,

la vita si è fatta piccola,

piccina davvero:

erano finiti i sogni,

restavano i giorni.

 

Ma noi non sappiamo,

 

eppure,

abbiamo visto i sorrisi,

il pudore che li tratteneva sotto la pelle,

 

sei stato con noi.

 

 

La tua vita,

davvero

è stata un dono

(anche) per noi.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giovanni Rossato, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Guarda più in là! (Pubblicato il 15/03/2019 15:50:06 - visite: 32) »

:: Ellitticamente (Pubblicato il 12/03/2019 17:22:46 - visite: 36) »

:: Il mattino si è fatto sera (Pubblicato il 07/03/2019 20:00:07 - visite: 38) »

:: Non sta piovendo, perchè? (Pubblicato il 27/02/2019 20:56:56 - visite: 43) »

:: Era nei sermoni delle chiese (Pubblicato il 23/02/2019 15:52:05 - visite: 53) »

:: Eternità (Pubblicato il 22/02/2019 16:27:22 - visite: 47) »

:: Se una mattina (Pubblicato il 13/02/2019 21:26:47 - visite: 59) »

:: Vorrei tu fossi qui con me (Pubblicato il 06/02/2019 17:06:23 - visite: 74) »

:: Inutilmente (Pubblicato il 01/02/2019 16:44:39 - visite: 94) »

:: A bruno Bettelheim (Pubblicato il 27/01/2019 09:38:17 - visite: 49) »