Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 68 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jun 11 01:50:48 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Vérnissage

di Alberto Rizzi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/01/2019 09:59:21

Ora che il dipinto è terminato

                                          il mio viso è ritratto anche sul mio ventre

e c’è un sorriso senza malizia

sui nostri volti

                    mentre le schiene ancora si sfiorano

 

soprattutto sul viso della donna bruna

che torce gli sguardi

di chi si pone innanzi

 

Davanti all’intera opera compiuta del Maestro

alcuni dettagli ci sfuggono

 

come l’atmosfera da dopolavoro fra i presenti

in qualunque stanza si passi

         i suonatori indiani sulla balaustra

         le bambine coi palloncini

che traversano lo zucchero filato

del dì di festa

 

T’incrocio per le scale

                               amore mio che potevi

e che scegliesti in armonia

con gli anni della tua vita

di non corrispondermi

 

il tuo sorriso

                  tra la luce dei capelli sempre chiari

rimanda a quella curvatura del tempo

dove le nostre mani si toccheranno

 

Fuori è una città di mare

                                   quasi un angiporto

e nell’aria di sale si ritorna a casa

 

 

 

(tratta dalla raccolta inedita

“Il mestiere e altre riflessioni”)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alberto Rizzi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il nome (Pubblicato il 07/06/2019 12:44:52 - visite: 13) »

:: È l’osare un passo nel vuoto... (Pubblicato il 19/05/2019 09:36:59 - visite: 22) »

:: Prima mi mostrasti paesaggi aperti... (Pubblicato il 28/04/2019 09:32:36 - visite: 40) »

:: Equivoco (Pubblicato il 25/04/2019 21:10:47 - visite: 33) »

:: ’Nel pantarei tutt’attorno a noi...’ (Pubblicato il 06/04/2019 20:57:34 - visite: 54) »

:: Sì... (Pubblicato il 27/03/2019 21:09:19 - visite: 63) »

:: Figura stante (Pubblicato il 09/03/2019 09:51:55 - visite: 69) »

:: Febbraio (Pubblicato il 24/02/2019 21:20:34 - visite: 79) »

:: Riflessione su una conclusione come tante (Pubblicato il 14/01/2019 13:23:44 - visite: 73) »

:: Il mestiere (Pubblicato il 23/12/2018 20:49:57 - visite: 78) »