Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 149 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Apr 20 23:57:57 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Riuscire a dire #GiornoMemoria

di Marco G. Maggi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/01/2019 15:37:37

Vorrei dire qualcosa
ma forse non ne sono capace
perché mi esplode dentro
e, nel furore dell’esplosione,
le parole non mi escono.

 

Si sta avvicinando di soppiatto
il giorno della memoria
e adesso, guarda caso adesso,
in questo momento della vita
mi viene in mente che, più di tutto
più dell’odio e della follia
la Shoah è stata creata semplicemente
dall‘indifferenza dell’uomo per l’uomo.

 

Così ogni volta che la sofferenza di
qualcuno, più debole o indifeso,
viene ignorata o, peggio, calpestata
allora è come se tutto l’orrore
ritornasse all’improvviso
e l’ombra della Shoah
oscura di nuovo la Terra.

 

Questo vorrei dire
ma non sono affatto sicuro
di averlo detto
quindi vogliate perdonare
perché non sono poi così certo
di esserne stato capace!

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marco G. Maggi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ad Angela Ferrara nel suo 32’ compleanno#poesiapoeti (Pubblicato il 21/03/2019 20:02:04 - visite: 79) »

:: Leggende? (Pubblicato il 14/03/2019 14:52:34 - visite: 63) »

:: Volevo dire (Pubblicato il 04/03/2019 19:01:17 - visite: 88) »

:: Pensiero per un bambino (Pubblicato il 28/01/2019 09:32:43 - visite: 93) »

:: Forse a Natale (Pubblicato il 27/12/2018 14:47:16 - visite: 114) »

:: Via Ravano (Pubblicato il 10/12/2018 19:09:40 - visite: 113) »

:: Al pronto soccorso... (Pubblicato il 29/11/2018 21:00:19 - visite: 94) »

:: Per un genetliaco (Pubblicato il 11/09/2018 11:43:37 - visite: 126) »

:: Chanel n.5 (Pubblicato il 25/08/2016 22:32:00 - visite: 218) »

:: Fiori sull’abisso#SaveAshrafFayadh (Pubblicato il 14/01/2016 12:14:45 - visite: 549) »