Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 112 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 23 09:06:09 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Non ho la parola

di Franco Bonvini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/02/2019 09:11:05

La vedi la mattina, appena sveglio,
s' alza pianissimo,
ogni giorno,
in alcuni filtra tra il verde degli alberi e porge un buongiorno
in altri si spande e riverbera su un bianco di neve
in altri ancora alza goccioline danzanti nelle pozzanghere,
e il cielo è tutto grigio.
In fondo non importano i colori,
quella cosa che si alza ti prende,
ti porta a vedere tutti i colori dell' arcobaleno.

 

Ti tiene un attimo eterno
poi è tardi, bisogna andare.

 

Ma resta una sensazione,
come aver visto qualcosa di invisibile
che si percepisce bene,
un sentiero verso la gioia e l' armonia.
O il contrario, l' armonia che sta per venire..
E non ho la parola per dirla.
Fotografi ogni secondo della giornata
cercando in ogni fotogramma quando viene.

 

E' come una fame di meraviglia
che non sfama mai,
Rende miracolosi i giorni.
Perchè poi viene,
sempre.

 

13 - 1


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Franco Bonvini, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ama il poeta per quel che è (Pubblicato il 23/04/2019 14:13:18 - visite: 30) »

:: Radici (Pubblicato il 22/04/2019 10:07:34 - visite: 22) »

:: Una stanza a cielo aperto (Pubblicato il 22/04/2019 10:04:21 - visite: 18) »

:: Tutto quel bianco (Pubblicato il 10/04/2019 20:51:23 - visite: 47) »

:: Silenzio (Pubblicato il 09/04/2019 10:04:52 - visite: 29) »

:: Canzone (Pubblicato il 09/04/2019 00:54:12 - visite: 33) »

:: Lettera da dove ogni cosa va a morire (Pubblicato il 07/04/2019 20:48:22 - visite: 40) »

:: La ragazza (Pubblicato il 06/04/2019 10:51:11 - visite: 65) »

:: Migrante stanziale (Pubblicato il 05/04/2019 10:45:44 - visite: 82) »

:: Anima muta (Pubblicato il 03/04/2019 11:08:19 - visite: 63) »