Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 114 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Apr 22 03:27:47 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Vampirizzati a primavera

di Salvatore Pizzo
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 12 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/03/2019 16:51:20

 

Rasente io, flottante svuotata spoglia

morsa sul collo, indosso voglia estrema

d'oblio, derivante nel rutilare di gorghi

pel greto sassoso dal gorgoglìo fluente

 

d'un livido incubo funereo. In esso

è cinereo il vagabondare insonne;

come pure della corrente la furia

cerulea ingiuria, esondante liquame.

 

M'appartiene anche l'intrico venoso

sovrastato e sommerso: infiltrato

d'inquinamenti ambientali, torbido

nell'esangue paesaggio umorale

 

mesto di pire a ridosso incombenti

schizzanti calde faville a paradosso

d'aghi ghiacciati e schegge, da Zefiro

nell'occhi soffiate accecanti minuzie

 

tra bacche occhieggianti inquiete nell'ombra

scosse da brezza screpolante ispida

come baci da bocche scarnite che

apposti su labbra, annuncino tregua.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 12 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Pizzo, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Impavidi a prua (Pubblicato il 14/04/2019 19:34:26 - visite: 69) »

:: Sull’aria di una sarabanda (Pubblicato il 08/04/2019 17:41:37 - visite: 79) »

:: Invettiva (Pubblicato il 01/04/2019 18:24:54 - visite: 146) »

:: Magicamente (4) (Pubblicato il 15/03/2019 18:06:59 - visite: 98) »

:: Marley, oh Marley (vilsonetto reggae) (Pubblicato il 08/03/2019 17:39:40 - visite: 153) »

:: Di questi tanti (ritratti) (Pubblicato il 02/03/2019 14:34:58 - visite: 133) »

:: Pseudosonetto hard (rock) (Pubblicato il 23/02/2019 19:21:43 - visite: 142) »

:: Note e noci (Pubblicato il 17/02/2019 19:39:16 - visite: 120) »

:: Fragili di_versi (Pubblicato il 11/02/2019 17:10:53 - visite: 130) »

:: Candelora (Pubblicato il 02/02/2019 16:30:29 - visite: 243) »