Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 128 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon May 20 06:33:55 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Proprio ora che

di Roberto Maggiani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/04/2019 12:06:04

 

Photo by Andrew Seaman on Unsplash

 

1

 

Ora che vivo la mia epoca di ragionevolezza

e mi avvicino alla Croce

non da cristiano ma da uomo –

ora che mi appaiono ingenui i gesti del sacerdote

che la eleva sopra le nostre teste –

ora che percepisco la lontananza tra me

e questo consesso credente nella salvezza

del legno e dell’uomo lì crocifisso –

ora che ho i piedi e le mani liberi di agire altrove

e la ragionevole certezza che l’evoluzione

è ciò che mi ha portato qui e da qui mi porterà via –

ora che guardandomi attorno gioisco

per la natura e le sue leggi

e la temo docilmente per l’ombra di morte

che proietta su di noi –

ora che sono distante dall’incoerenza

di ogni rito –

proprio ora che tutto è così semplice

nel ciclo della vita

sento vibrare una voce nel profondo.

Porgi l’orecchio anche tu. Dimmi – che cosa ascolti?

“Di… o mi… o per… ché…mihai abbando… nato?”

 

2

 

Brandisco la Croce

nudo per le strade del mondo

senza più un tempio.

 

 

 

[ da Angoli interni, Roberto Maggiani, Passigli Poesia ]

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Roberto Maggiani, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Uomo (Pubblicato il 23/03/2019 17:32:09 - visite: 134) »

:: Relax ad Auschwitz #GiornoMemoria (Pubblicato il 22/01/2019 16:58:06 - visite: 355) »

:: Ogni notte è santa (Pubblicato il 23/12/2018 17:45:12 - visite: 169) »

:: Natale... non laggiù tra le folle (Pubblicato il 22/12/2018 18:35:06 - visite: 146) »

:: Copertura e distorsione (Pubblicato il 01/11/2018 12:15:24 - visite: 161) »

:: Senza limiti o scadenze (Pubblicato il 31/10/2018 16:19:35 - visite: 209) »

:: Vita estrema (Pubblicato il 21/10/2018 11:53:10 - visite: 270) »

:: Bisogno di mani (Pubblicato il 06/09/2018 00:30:35 - visite: 343) »

:: L’antico tamburo (Pubblicato il 05/08/2018 12:20:30 - visite: 193) »

:: Surfisti (Pubblicato il 03/08/2018 17:37:02 - visite: 200) »