Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 16 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jul 11 15:08:27 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Il nome

di Alberto Rizzi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/06/2019 12:44:52

Tu pensa

se sia giusto chiamare un luogo

qual esso sia

                   “terradura”

 

Così da immaginarsi inutile

ogni gesto che curi

                       apra un futuro

                 che soffio porti

alle speranze del cuore

 

così da immaginare

donne dalle cosce scoscese

                                          difficili da raggiungere

il loro ventre colmo d’uova

e che fissano dallo sfascio delle veneziane

sbilenche su facciata lasciata all’abbandono

 

e un florilegio di formiche

                                         infine

a grumo dal piede d’una pianta seccata

 

Così da immaginare un amante solitario

di vedetta lassù in alto

 

                 (se ci fosse pietà di dirupo

                 in questa terra d’orizzonte piatto)

 

nell’attesa di un nulla

che gli sia di compagnia

 

E tu allora passeresti le vie

                                 lo spazio a volte fango

che si erge a piazza

                              altovociàndo fra te e te

 

“Quale sarà il nome di quell’altro luogo, quello vivo di gente; quello il cui albergo accanto alla stazione era invece sacrosanto, serrato e scrostato agli ospiti? Ditemi il nome, il nome perdìo! Ditemi il nome!”

 

Vivono solo di ossimori

gli abitanti di questo deserto

 

ciascuno di loro solo

come un blu intenso

a filo d’orizzonte

 

 

(tratta dalla raccolta inedita

"Il mestiere e altri accidenti")


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alberto Rizzi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alberto Rizzi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Dichiarazione d’intenti (Pubblicato il 07/07/2019 21:19:11 - visite: 24) »

:: Nulla mi dice... (Pubblicato il 03/07/2019 09:45:57 - visite: 33) »

:: È l’osare un passo nel vuoto... (Pubblicato il 19/05/2019 09:36:59 - visite: 33) »

:: Prima mi mostrasti paesaggi aperti... (Pubblicato il 28/04/2019 09:32:36 - visite: 53) »

:: Equivoco (Pubblicato il 25/04/2019 21:10:47 - visite: 44) »

:: ’Nel pantarei tutt’attorno a noi...’ (Pubblicato il 06/04/2019 20:57:34 - visite: 64) »

:: Sì... (Pubblicato il 27/03/2019 21:09:19 - visite: 77) »

:: Figura stante (Pubblicato il 09/03/2019 09:51:55 - visite: 79) »

:: Febbraio (Pubblicato il 24/02/2019 21:20:34 - visite: 89) »

:: Riflessione su una conclusione come tante (Pubblicato il 14/01/2019 13:23:44 - visite: 79) »