Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANNIVERSARIO PROUST: 10 luglio 1871 - 10 luglio 2019
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 697 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jul 13 22:16:37 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ivan Marinović intervista by Cineuropa

Argomento: Cinema

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/08/2016 11:25:49

IN CONCORSO A SARAJEVO FILM FESTIVAL 2016 - CINEUROPA NEWS

The Black Pin: un film ben fatto proveniente da un'industria cinematografica poco nota
di Vladan Petkovic.

23/08/2016 - Il primo film del regista montenegrino Ivan Marinović (nella foto) è stato presentato in anteprima mondiale in concorso a Sarajevo.

Il Montenegro non produce molti film, come si può notare dalla mancanza di articoli sul cinema di questo Paese su Cineuropa, ma anche su altri portali di settore. Tuttavia, le cose sembrano destinate a cambiare, con l'istituzione di un centro cinematografico nazionale a Podgorica nei prossimi mesi e una delle prime voci sulla scena festivaliera internazionale proiettata di recente in concorso a Sarajevo: The Black Pin [+], scritto e diretto dall'emergente Ivan Marinović.

Il film è ambientato nella Baia di Luštica, parte della penisola che forma la Baia di Kotor, una parte storicamente distinta del Montenegro, che è stata per secoli sotto il controllo diretto o la forte influenza di Venezia. Oggi, Luštica e il resto della regione costiera sono il sogno di un albergatore che si avvera, e il denaro russo ha inondato il Paese in quantità enormi negli ultimi dieci anni, con investimenti che passavano per un governo corrotto, arricchendo solo una piccolissima elite politico-finanziaria. Pertanto, i proprietari terrieri in queste aree devono stare attenti ed evitare di essere truffati dagli intermediari, ma vedono ancora la loro unica possibilità di uno stile di vita normale nella vendita dei loro terreni.

Nel film, il pastore Peter (l'attore macedone Nikola Ristanovski, che interpreta magistralmente il protagonista) non vuole vendere il suo terreno. Sebbene non sembri avere molta fede religiosa rimasta (una delle sue prime battute recita: "Se siete infelici in questa vita, molto probabilmente sarà lo stesso dopo"), sente una responsabilità verso la sua famiglia e la sua parrocchia. Da quando la moglie lo ha lasciato, è tornato a vivere con l'anziana madre (la leggenda del cinema jugoslavo Jelisaveta Seka Sablić) e il figlio adolescente ribelle Djordje (l'esordiente da tenere d'occhio Filip Klicov), mentre tenta di gestire il mix frustrante di superstizione e religione male interpretata dei suoi parrocchiani.

Ma il suo appezzamento è esattamente ciò che manca agli abitanti del villaggio, che hanno trovato un acquirente, per vendere la loro terra. Senza il pezzetto di Pietro, non c'è abbastanza terra per chiudere l'affare. Così un gruppo di aspiranti venditori, guidato da Savo (il croato Leon Lučev) e Niko (il serbo Ljubomir Bandović), con l'assistenza astuta del marinaio esperto Dondo (la stella regionale Bogdan Diklić), provano di tutto per convincerlo a vendere - dalla persuasione amichevole ai modi incredibilmente creativi per farlo odiare dagli abitanti del villaggio. Questo, naturalmente, comprende alimentare la loro superstizione, e un'occasione ghiotta è il funerale di una vecchia donna che si diceva essere una strega.

Marinović si avvale di un uso fantastico dei paesaggi splendidi di Luštica, e mette una cura particolare nella progettazione di scene di interni e nell'illuminazione con il direttore della fotografia Djordje Arambašić (che ha dimostrato il suo talento in The Disobedient e Panama). Ma ancora più importante e interessante, in questa storia, che deve molto alla mentalità locale peculiare, il regista evita il sarcasmo d'accatto e le battute e i dialoghi banali, che sono così tipici delle commedie dei Balcani. Il risultato è un film ben fatto che potrebbe, con una corretta pianificazione e posizionamento, trovare la sua strada sia nei multiplex regionali che nei festival internazionali in cerca di un'opportunità più leggera, ma sempre valida artisticamente.
The Black Pin è una co-produzione tra Adriatic Western del Montenegro e la serba EED Productions, venduta all'estero da Soul Food di Belgrado.

THE BLACK PIN
Ivan Marinovic ex studente del FAMU di Praga e ora primo regista del suo Paese con un film nella competizione principale del Sarajevo Film Festival. Abbiamo parlato con lui del suo lavoro e di questo film.

Cineuropa: Cosa l'ha spinta a raccontare questa storia?
Ivan Marinovic: Bisognerebbe cominciare dal motivo per cui ho sempre voluto fare il regista.
Sono cresciuto in un posto dove c'erano tante storie che sentivo da bambino, e che riuscivo già ad immaginare nitidamente. Ho iniziato a pensare al cinema come mezzo di narrazione. Questa storia in particolare l'ho sentita mentre tornavo in Montenegro dall'estero, e affrontavo quella mentalità da una nuova prospettiva. Ho sentito quest'aneddoto su un prete e un funerale, una banda che lo interrompeva e la gente che voleva cacciarlo fuori dal villaggio. Questo tizio, che deve predicare "ama il prossimo tuo", era circondato da vicini che non mettevano troppo in pratica il consiglio. Ho iniziato a pensare alle persone, alla religione e alle superstizioni, e poi ho immaginato un prete misantropo. Ciò mi ha dato molto spazio per integrare altre cose, come queste vendite di proprietà che si effettuano oggi, con la gente che non sa che farsene. In realtà, mi rendo conto solo ora della politica presente nel mio film. Credo che il tradizionalismo e la superstizione abbiano creato molta ignoranza, che può facilmente portare alla corruzione.

Il suo film mescola vari stili: è un dramma buffo, una commedia seria...
Non è stato scritto volutamente come una commedia di genere. Mentre scrivevo la prima bozza, destinata ad essere più che altro un dramma, ho iniziato a ridere dicendo che era assurdo. È stato davvero interessante per me collegare l'assurdità delle situazioni con il luogo idilliaco, perché sembra che il tempo passi e che la bellezza duri, e si avverte quanto siano insensati questi conflitti. È più sottile di un semplice pescare nei tropi della dark comedy.

Per far ciò ha lavorato molto sui personaggi, probabilmente l'elemento più importante del film. Come?
Sono tutti ispirati da diverse persone che conoscevo da ragazzo, gente a cui voglio molto bene - cosa che mi ha impedito di fare caricature. Mi ha permesso di dar vita a personaggi in carne ed ossa, e il protagonista, a dire il vero, potrebbe essere basato su di me. Alcuni anni fa, mi avrebbero detto che ero intollerante, scontroso e misantropo come lui. Conoscevo il mio attore (Nikola Ristanovski) da prima, e ho subito messo la sua faccia sul personaggio in modo da poterlo torturare. È stato divertente.

È stato difficile mettere insieme il cast?
Avevo attori molto esperti provenienti da Macedonia, Croazia, Serbia e Montenegro, e molti esordienti. Cercare di fare un film corale e farlo funzionare allo stesso livello in termini di stile e di azione è stato una sfida. Ma quando la mia troupe ha visto queste persone credere in me, mi ha seguito facilmente.

Ciò è stato utile per il processo di produzione?
Per un'opera prima, è molto difficile costruire una grande co-produzione - ho fatto molto lavoro sul campo per ottenere location, alloggi, ecc. gratuitamente, in modo da investire il denaro sull'immagine e il cast. C'era questa decisione da prendere: o lavorare molto velocemente con gli attori più esperti, o per un periodo più lungo con attori meno esperti. Per fare un film ambizioso e con un budget basso bisogna necessariamente utilizzare gli ostacoli a proprio vantaggio.

Quanto è stato difficile lavorare dal Montenegro?
Il Montenegro non fa parte di Eurimages. Abbiamo ottenuto una co-produzione in Serbia, ma era davvero una piccola somma di denaro. Solo ora stiamo per istituire un centro cinematografico. Tutto fino ad ora è sempre dipeso dalle decisioni del Ministero della Cultura. Solo l'anno scorso siamo diventati parte di MEDIA, quindi le cose si stanno muovendo. C'è una nuova generazione di autori in erba che sta facendo molto per migliorare la situazione, con progetti molto interessanti. Credo che cambierà a breve.

titolo internazionale: The Black Pin
titolo originale: Igla ispod praga
paese: Montenegro, Serbia
anno: 2016
genere: fiction
regia: Ivan Marinovic
durata: 93'
data di uscita: ME 10/09/2016
sceneggiatura: Ivan Marinovic
cast: Nikola Ristanovski, Bogdan Diklić, Leon Lučev, Ljubomir Bandovic, Jelisaveta Sablic
fotografia: Djordje Arambasic
montaggio: Ivan Vasic
scenografia: Irena Marjanov
costumi: Magdalena Klasnja
musica: Toni Kitanovski
produttore: Ivan Marinovic
coproduttore: Vladimir Vasiljevic
produzione: Adriatic Western, EED// Productions



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giorgio Mancinelli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Poesia ] ’Edeniche’ - raccolta poetica di Flavio Ermini (Pubblicato il 06/07/2019 07:59:03 - visite: 79) »

:: [ Cinema ] CinEuropa News - prossimamente al cinema. (Pubblicato il 27/06/2019 15:41:54 - visite: 51) »

:: [ Filosofia ] Popsophia - Filosofia del Contemporaneo (Pubblicato il 20/06/2019 18:29:10 - visite: 73) »

:: [ Musica ] Rita Marcotulli insignita dell’onoreficienza per la musica. (Pubblicato il 07/06/2019 17:49:05 - visite: 63) »

:: [ Società ] Bla, bla, bla … Vincitori e vincitori, nessun perdente. (Pubblicato il 28/05/2019 02:38:02 - visite: 56) »

:: [ Cinema ] Cineuropa a Cannes (Pubblicato il 22/05/2019 06:53:43 - visite: 68) »

:: [ Società ] Bla, bla, bla … “Giro girotondo... (Pubblicato il 27/04/2019 09:12:29 - visite: 105) »

:: [ Cinema ] A Cannes con Cineuropa News (Pubblicato il 25/04/2019 05:22:12 - visite: 75) »

:: [ Religione ] La morte che vince la morte - meditazione di don Luciano. (Pubblicato il 10/04/2019 06:44:36 - visite: 140) »

:: [ Teatro ] ’Progetto Demoni’ - prime date in Campania (Pubblicato il 03/04/2019 11:56:39 - visite: 132) »