Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1725 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Apr 15 21:25:29 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Angelus Novus (a Walter Benjamin)

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/11/2010 15:18:34

Angelus Novus ... to Walter Benjamin.

Hanno sul volto
il segno tangibile della
“concatenazione del carattere col destino”
essenzialmente costante
“un’esperienza che ritorna sempre”
il vecchio e il nuovo
il passato e il presente
quale la colpa?
bandiamola per sempre
mostriamo l’errore di un hybris divino
che ci vede obbligati al riscatto
come risposta a un Dio che
dell’innocenza non conosce mèta
per cui il diritto al castigo
che da sempre ci condanna alla gogna
non siamo che angeli caduti
per una disgrazia che si è rivelata fatale
in virtù della nuda vita
quali tuoi figli
solleviamo dall’inquietudine lo sguardo
su questo mondo tormentato
e rivolgiamo a Te quest’umile preghiera
che in ragione del destino che c’incombe
sia ristabilito “l’ordine etico del mondo”
cogli l’essenza
del debole intelletto
che per un istante
ha creduto di possedere l’ombra
dell’assoluto tutto.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: ’fragilità’ (Pubblicato il 17/04/2019 06:30:43 - visite: 12) »

:: Pasqua (Pubblicato il 10/04/2019 06:50:02 - visite: 27) »

:: Mantra - OM (Pubblicato il 09/04/2019 05:27:42 - visite: 27) »

:: ’flamen / soffio’ (Pubblicato il 01/04/2019 05:57:35 - visite: 66) »

:: ‘evocazioni’ (Pubblicato il 24/03/2019 11:38:36 - visite: 62) »

:: ‘canto corale’ (..a Edvard Munch) (Pubblicato il 16/03/2019 06:39:23 - visite: 68) »

:: ‘congiungimenti’ (Pubblicato il 05/03/2019 07:56:06 - visite: 73) »

:: ‘abbandono’ (Pubblicato il 26/02/2019 17:51:47 - visite: 72) »

:: ‘mare d’inverno’ (Pubblicato il 11/02/2019 16:16:13 - visite: 88) »

:: ’pari intervallo’ (Pubblicato il 08/02/2019 02:05:13 - visite: 94) »