Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1838 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Apr 18 07:19:08 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Madama Butterfly

di Marina Pacifici
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 04/01/2011 21:21:39

Giorni di cinereo rimpianto sospesi.
I ricordi,
i disincanti,
i sogni infranti.
La mia vita
senza Te
fra ombre cinesi.

Madama Butterfly
scruto l’orizzonte
che t’ha portato via.
Il tuo commiato non lo scorderò mai,
mio Aiace, ostaggio del crudele Caronte...

T’attendo ancora
sulla riva argentea della mia inesauribile nostalgia,
per Te il coro a bocca chiusa
la perfida morte t’ha ghermito nel volto di Medusa.

La tua vita
giglio reciso in primavera.
Fra lacrime di fuoco
affido il rimpianto di Te
al crepuscolo che langue fioco,
alla mia muta, disperata preghiera.

Il tuo bel viso malinconico
l’aurora del tuo sorriso,
la fragranza della tua sciarpa blu,
carezza del tuo amorevole sguardo sul mio viso….

Nel mio smarrito cuore
ogni palpito sussurra il tuo nome.
Oltre ogni lacerante lontananza
Tu, l’armonia che placa ogni dissonanza…

Nel giardino d’inverno del mio cuore,
tuo il passe partout
Oggi e per sempre,
al di là d’ogni assiderante dolore
ancora e soltanto Tu,
l’Amore.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marina Pacifici, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Mattino nel Chianti (Pubblicato il 22/04/2019 16:44:48 - visite: 18) »

:: Vorrei (Pubblicato il 20/04/2019 18:44:44 - visite: 17) »

:: Verrà il vento liberatore (Pubblicato il 18/04/2019 10:16:15 - visite: 26) »

:: Vorrei dirti tante cose (Pubblicato il 12/04/2019 16:28:06 - visite: 29) »

:: Oggi è pioggia (Pubblicato il 07/04/2019 12:29:54 - visite: 24) »

:: In questo giorno di primavera (Pubblicato il 06/04/2019 15:11:28 - visite: 28) »

:: In questo giorno di primavera (Pubblicato il 06/04/2019 15:06:58 - visite: 22) »

:: Sera di primavera (Pubblicato il 01/04/2019 19:06:36 - visite: 53) »

:: Il mio cuore bambino (Pubblicato il 30/03/2019 14:15:45 - visite: 40) »

:: Treno (Pubblicato il 26/03/2019 16:18:31 - visite: 47) »