Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Da: Esercizi di stile

di Raymond Queneau (Biografia)

Proposta di Lorena Turri »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/09/2009 16:08:36

(Gli “Exercices” contano 99 esercizi, ovvero le Notazioni più 98 variazioni.
Le Notazioni sono un esempio di discorso piano ed esplicito che descrive un fatto quotidiano banale. Con le variazioni Queneau “gioca” non solo con le figure retoriche ma anche con le parodie dei vari generi letterari o comportamenti linguistici quotidiani. Spesso le figure retoriche sono prese alla lettera traendo il senso dalla regola.)


NOTAZIONI
Sulla S, in un’ora di traffico. Un tipo di circa ventisei anni, cappello floscio con cordicella al posto di un nastro, collo troppo lungo come se glielo avessero tirato. La gente scende. Il tizio in questione si arrabbia con un vicino. Gli rimprovera di spingerlo ogni volta che passa qualcuno. Tono lamentoso, con pretese di cattiveria. Non appena vede un posto libero, vi si butta. Due ore più tardi lo incontro alla Cour de Rome, davanti alla Gare Saint-Lazare. E’ con un amico che gli dice: “Dovresti far mettere un bottone in più al soprabito”. Gli fa vedere dove (alla sciancratura) e perché.


PAROLE COMPOSTE
In una trafficora mi buspiattaformavo comultitudinariamente in uno spaziotempo luteziomeridiano coitinerando con un lungicollo floscincappucciato e nastrocordicellone, il quale appellava un tiziocaiosempronio altavociando e lo piedipremesse. Poscia si rapidosedillizzò.
In una posteroeventualità lo rividi stazioncellonlazzarizzante con un caiotizonio impertinentementenunciante l’esigenza di una bottonelevazione paltosupplementante. E gli perchépercomava.

COMUNICATO STAMPA
Chi ha detto che il romanzo è morto? In questo nuovo e travolgente racconto l’autore, di cui i lettori ricorderanno l’avvincente “Le scarpe slacciate”, fa rivivere con asciutto e toccante realismo dei personaggi a tutto tondo che si muovono in una vicenda di tesa drammaticità, sullo sfondo di lancinanti pulsioni collettive. La trama ci parla di un eroe, allusivamente indicato come il Passeggero, che in mattina si imbatte in un enigmatico personaggio, a sua volta coinvolto in un duello mortale con uno sconosciuto. Nella allucinante scena finale, ritroviamo il misterioso personaggio dell’inizio che ascolta con assorta attenzione i consigli di un ambiguo esteta.
Un romanzo che è al tempo stesso di azione e di stranite atmosfere, una storia di terso e spietato vigore, un libro che non vi lascerà dormire.

VOLGARE
Aho! Annavo a magnà e te monto su quer bidone de la Esse – e ‘an vedi? – nun me vado a incoccià con ‘no stronzo con un collo cche pareva un cacciavite, e ‘na trippa sur cappello? E quello un se mette a baccaglià con st’artro burino perché – dice – je acciacca er ditone? Te possino! Ma cche voi, chi spinge! Chi, io? Ma va a magnà er sapone!
‘Nzomma, meno male che poi si va a sede.
E bastasse! Sarà du’ ore dopo, chi s’arrivede? Lo stronzo, ar Colosseo, che sta a complottà con st’artro quà che se crede d’esse er Christian Dior, er Missoni, che so, er Mister Facis, li mortaci sui! E metti un bottone de quà, e sposta un bottone de là, a acchittate così alla vitina, e ancora un po’ ce faceva lo spacchetto, che era tutta ‘na froceria che nun te dico. Ma vaffanculo!

TANKA
Il carro avanza
Sale con il cappello
Subito un urto
A sera a San Lazzaro
Questione d’un bottone.

GASTRONOMICO
Dopo un’attesa gratinata sotto n sole al burro fuso, salii su di un autobus pistacchio dove i clienti bollivano come vermi in un gorgonzola ben maturo. Tra questi vermicelli in brodo v’era una specie di mazzancolla sgusciata dal collo lungo come un giorno senza pane, e un maritozzo sulla testa che aveva intorno un filo da tagliar la polenta. E questa mortadella si mette a friggere perché un altro salame gli stava stagionando quelle fette impanate che aveva al posto degli zamponi. Ma poi ha smesso di ragionar sulla rava e la fava, ed è andato a spurgarsi su di un colabrodo divenuto libero.
Stavo beatamente digerendo nell’autobus dopopranzo, quando davanti al ristorante di Saint-Lazare ti rivedo quella scamorza con un pesce bollito che gli dava una macedonia di consigli sul suo copritrippa. E l’altro si fondeva come una cassata.





Raymond Queneau – Esercizi di stile – Einaudi

Introduzione e traduzione di U.Eco
Nuova edizione a cura di S.Bartezzaghi

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Lorena Turri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Lorena Turri, nella sezione Proposta_Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Animus e Anima , di Paul Claudel (Pubblicato il 02/09/2012 09:21:33 - visite: 2704) »

:: Dialogo tra Torquato Tasso e il suo genio familiar , di Giacomo Leopardi (Pubblicato il 16/11/2010 10:48:22 - visite: 1601) »

:: Elogio della cattiva musica , di Marcel Proust (Pubblicato il 18/09/2010 18:26:03 - visite: 1067) »

:: Il viaggio , di Josè Saramago (Pubblicato il 18/06/2010 15:53:42 - visite: 1258) »

:: Il bosco della confusione , di Liza Bellandi (Pubblicato il 14/11/2008 14:59:29 - visite: 1275) »

:: Sul progresso , di Marguerite Yourcenar (Pubblicato il 18/09/2008 17:10:37 - visite: 1235) »