Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Articolo
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 115 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Sep 16 17:31:39 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La scuola dei dittatori di Ignazio Silone

Argomento: Politica

Articolo di Alberto Castrini 

Proposta di Alberto Castrini »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/06/2018 21:28:24

I libro scritto nel 1938, contemporaneamente a “Vino e pane”, affronta stavolta tematiche strettamente politiche.

Il saggio è impostato come testo teatrale con i soli dialoghi tra i tre protagonisti.

Si confrontano in un hotel di Zurigo: Mr Doppio Vu (aspirate dittatore statunitense, in cerca di suggerimenti), il Prof Pickup (suo assistente e consulente) e Tommaso il Cinico (italiano, esperto di questioni socio-politiche).

E' lui il personaggio principale, quello che risponde alle domande e spiega la nascita e lo svilupparsi delle dittature.

Ovviamente nello sfiduciato Tommaso non è difficile riconoscere Silone e la sua amarezza di esule.

Risulta spietata l'analisi, ancor prima dell'inizio della guerra (1938), sui comportamenti di Mussolini e Hitler la loro metamorfosi per la conquista del potere.

Ma oltre alla denuncia delle dittature Silone critica l'impotenza delle democrazie e la loro incapacità di capire le masse (che vengono comunque criticate per la loro facile adesione ai totalitarismi).

Per questo sottolinea: “...educare a capire e ragionare, rispettare le loro opinioni quando sono diverse dalle nostre, mantenere vivo lo spirito critico, creare delle coscienze....è l'azione più efficace contro il contagio dell'ipnosi totalitaria”.

Insomma un libro che mantiene tuttora il suo pungolo nel capire non solo il passato ma pure l'attualità.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alberto Castrini, nella sezione Proposta_Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Senilità di Italo Svevo , di Alberto Castrini (Pubblicato il 01/03/2018 22:55:25 - visite: 154) »

:: [ Letteratura ] La grande sera , di Alberto Castrini (Pubblicato il 25/09/2017 23:35:24 - visite: 243) »

:: [ Letteratura ] La grande sera , di Alberto Castrini (Pubblicato il 29/07/2017 22:37:46 - visite: 171) »

:: [ Arte ] Da Hayez a Boldini. , di Alberto Castrini (Pubblicato il 06/05/2017 21:47:44 - visite: 222) »

:: [ Storia ] Storia criminale del Cristianesimo di KarlHeinz Deschner , di Alberto Castrini (Pubblicato il 10/02/2017 22:55:02 - visite: 318) »

:: [ Letteratura ] Louis-Ferdinand Céline, gatto randagio di marina alberghini , di Alberto Castrini (Pubblicato il 19/12/2016 22:02:41 - visite: 341) »