Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANNIVERSARIO PROUST: 10 luglio 1871 - 10 luglio 2019
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1683 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jul 17 10:59:56 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’Angelo della Misericordia

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 29/04/2011 18:26:17

Angel of Mercy (a mio padre).

Del chiuso libro della vita
dove la mano ha scritto parole incomprese
sciolte le legature
l’Angelo della Misericordia
lascia scorrere lentamente sotto gli occhi
brevi frasi tremule
come l’imperturbabile candela che si discioglie
e che in fumo presto dilegua.
Dacché se n’è volato via
in un cielo di rosso tramonto inondato
che più nessuno restava a tenergli compagnia
talvolta nella lunga solitudine della sera
poggiato sopra lo scrittoio pensieroso
l’udivo ancora diffondere nell’aere la poesia
in un crescendo di mestizia
fino a che la luce nel buio scompariva.
Chi fu?
si domanderà il passante
fra tante tombe, fra tanta gente
si finisce per non riconoscersi più
forse un artista, un grande, uno spirito vago
che pure ha abitato gli spazi infiniti mentre
con gli occhi aperti in un letto di tenebra
cercava la luce in un mondo accecato.
Con la notte si sa muoiono le ombre
compenetrate nell’oscurità infinita
a nascondere al buio ogni cosa
ogni barlume di speranza
come maschera sul volto che la danza
della fiamma più non rischiara
che vale rincorrerla (?)
tanto non si fermerà, ormai è andata via.
Sì, Egli fu un uomo
parola nel silenzio del creato
poesia scritta su carta pergamena
che presto ingiallirà
ma non è del canto che qui si vuol celebrare
quanto dell’avvertimento che ha lasciato:
Che non c’è giustizia alcuna dove la voce tace,
dove la libertà è solo apostasia”.
Che ne è di lui?
una lapide sotto un pino contorto che si piega
una consunta iscrizione sulla nuda pietra
che l’Angelo della Misericordia senza dire
del chiuso libro della vita sciolte le legature
legge parole antiche
premonitrici d’un qualcosa che forse non sarà
pensieri da inorridire.
. . .
Mentre tra i rami del pino s’ode
il chiù forte d’un pettirosso che chiede
all’Angelo misericordioso
di trattenere la cosmica sonorità delle sfere
affinché la musica ritrovi il canto accorato
che intona la ritrovata gente
che di nuova speme infine …
… risuoni l’arpa della futura pace.

da “Carte sparse e dimenticate” - (1956 - 1976) - raccolta inedita


Angel of Mercy (to my father).

Of the closed book of the life
where the hand wrote misunderstood words
loosened the bindings
the Angel of Mercy
it allows to slowly flow under the eyes
short trembling words
as the imperturbable candle that dissolves it
and what in smoke soon it disperses.
Since flies away
in a sky of red flooded sunset
what more nobody stayed to hold him company
sometimes in the long loneliness of the evening
leaned above the thoughtful writing desk
I still heard him spread in the air his poetry
in a crescendo of sadness
up to that the light in the dark disappeared.
. . .
Since flies away
in a sky of red flooded sunset
what more nobody remains to hold him company
sometimes in the long loneliness of the evening
leaned above the thoughtful writing desk
I hear him spread in the air his poetry, softly
in a crescendo of melancholy
until when nearby the light in the dark disappeared.
Who was?
the passer-by will ask him
among so many graves and so much people
it is ended up not knowing him more
perhaps an artist, a great, a vague spirit
what has also lived the endless spaces while
with the open eyes in a bed of darkness
it looked for the light in a blinded world.
With the night is known the shades die
penetrate in the endless obscurity
to hide to dark every thing
every hope
as it disguises on the face of whom is not anymore
and what the dance of the flame above the candle
doesn't illuminate, that to run after it, serves to nothing
that it won't stop it, by now has gone away.
Yes, He was a man
word in the silence of the create
poetry written with the pen of goose
on paper parchment that soon it will make yellow
but it is not of the song that is wanted here to celebrate
how much of the warning that has left:
"That there is not justice where the voice it keeps silent
where liberty is only apostasy."
What does remain of it?
a headstone under a twisted pine that folds up
a worn-out registration on the naked stone
what the Angel of Mercy without saying
of the closed book of the life
loosened the bindings, law ancient words
premonitory of a something that hopes won't be
thoughts to be horrified.
. . .
While among the branches of the pine by now is heard
grieved the strong chiù of a robin that asks
to the Angel of Mercy
to hold back the cosmic sonority of the spheres
so that the music finds again the song
what harbors finds again the people
what of new hope finally…
… play again the harp of the future peace.

(from "Shed and forget Papers" 1956 - 1976)




« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giorgio Mancinelli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: ’..di felicità’ (Pubblicato il 06/07/2019 11:27:06 - visite: 31) »

:: ‘dias in luminis oras’ (Pubblicato il 27/06/2019 16:16:22 - visite: 46) »

:: ‘trasposizioni’ (Pubblicato il 16/06/2019 21:13:49 - visite: 47) »

:: ‘illusione di un giorno’ (Pubblicato il 29/05/2019 15:41:21 - visite: 53) »

:: ’fragile’ / 4 (Pubblicato il 27/05/2019 17:57:34 - visite: 46) »

:: ’fragile’ / 3 (Pubblicato il 23/05/2019 06:23:46 - visite: 58) »

:: ’fragile’ / 2 (Pubblicato il 14/05/2019 07:15:15 - visite: 63) »

:: ‘rimembranze’ (Pubblicato il 10/05/2019 05:43:06 - visite: 78) »

:: ’emanazioni’ (Pubblicato il 25/04/2019 12:24:32 - visite: 68) »

:: ’fragile’ (Pubblicato il 17/04/2019 06:30:43 - visite: 84) »