Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1299 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Apr 21 12:35:33 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Come Guernica - Con i giovani in piazza a Madrid

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/05/2011 19:08:32

'Guernica'
(Insieme coi giovani contestatori per una “giustizia più giusta”  a La Puerta del Sol - Madrid).

L’ultimo eroe di Goya
cadeva sotto le fucilate
scorreva il sangue sudato
dell’ultimo toro di Spagna.

Gremita l’arena
restava muta al pianto
dovevano ammazzarlo tutto il popolaccio
prima che guadagnasse le barricate.

Federico, Antonio, Rafael
una voce sola contro la tirannia
dentro ogni mattanza da corrida
Olé! Olé!

Dovevano prosciugarle tutte
le penne dei poeti
prima che i loro occhi vedessero
prima che scrivessero brutte parole sui muri delle case.

Nessuno può fermare la voce di chi ha visto
e il canto è alto, e vivo si fa strada
avanza e brucia come un flamenco
Olé! Olé!

Dovevano ammazzarlo tutto il popolaccio
prima che guadagnasse le barricate
prima che gli occhi vedessero
che le penne dei poeti scrivessero contro la tirannia.

Che prima ancora di azzittirlo il popolaccio
con la garrota e con le fucilate
di libertà ha bisogno questo mondo
prima che ogni voce per sempre si taccia.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: ’emanazioni’ (Pubblicato il 25/04/2019 12:24:32 - visite: 9) »

:: ’fragile’ (Pubblicato il 17/04/2019 06:30:43 - visite: 36) »

:: Pasqua (Pubblicato il 10/04/2019 06:50:02 - visite: 33) »

:: Mantra - OM (Pubblicato il 09/04/2019 05:27:42 - visite: 34) »

:: ’flamen / soffio’ (Pubblicato il 01/04/2019 05:57:35 - visite: 73) »

:: ‘evocazioni’ (Pubblicato il 24/03/2019 11:38:36 - visite: 68) »

:: ‘canto corale’ (..a Edvard Munch) (Pubblicato il 16/03/2019 06:39:23 - visite: 76) »

:: ‘congiungimenti’ (Pubblicato il 05/03/2019 07:56:06 - visite: 84) »

:: ‘abbandono’ (Pubblicato il 26/02/2019 17:51:47 - visite: 77) »

:: ‘mare d’inverno’ (Pubblicato il 11/02/2019 16:16:13 - visite: 94) »