Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1074 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Apr 13 17:17:01 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

assaggiare il vuoto

di Paolo Polvani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/06/2011 12:13:52

Assaggiare il vuoto







Accade che un giorno spalanchi la finestra e senza
consultare l'orizzonte, senza neanche crederti
colomba, che almeno avrebbe il pregio di uno spunto
poetico, decidi di assaggiare il vuoto, di sperimentare
le dirette conseguenze delle leggi gravitazionali.


E io che cosa avrei dovuto più inventare, non basta
saper sorridere, ascoltare non è una condizione sufficiente.
Ci sono congiunture e adesso la cosa mi appare nella sua evidenza.


Spalancare la finestra e dire sì al vuoto, alla sua bocca aperta,
alla fame di te che manifesta. Erano già in riserva le lacrime
e il muro bianco d'ospedale esaurita ogni possibilità.


La bellezza non è un lasciapassare. Volevi essere accolta
hai scelto il vuoto di un cortile, lo spazio
bianco di un lenzuolo.







« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 6 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Polvani, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: equilibri (Pubblicato il 20/02/2012 18:03:01 - visite: 994) »

:: una penna verde (Pubblicato il 03/01/2012 22:46:16 - visite: 946) »

:: qui (Pubblicato il 02/12/2011 22:27:24 - visite: 880) »

:: signor peschechera vincenzo (Pubblicato il 02/11/2011 13:58:11 - visite: 1085) »

:: panca (Pubblicato il 02/10/2011 18:58:19 - visite: 960) »

:: A Pino che se ne va (Pubblicato il 06/09/2011 14:19:14 - visite: 934) »

:: buongiorno (Pubblicato il 03/08/2011 17:21:14 - visite: 930) »

:: un piccolo fuoco (Pubblicato il 25/06/2011 12:41:00 - visite: 1020) »

:: la tua voce è un passero (Pubblicato il 20/06/2011 14:38:48 - visite: 1072) »

:: Bambine in corsa (Pubblicato il 25/05/2011 20:47:25 - visite: 966) »