Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1073 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Apr 19 19:40:17 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

la tua voce è un passero

di Paolo Polvani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/06/2011 14:38:48

La tua voce è un passero




La tua voce è un passero, vola
sulla credenza, indugia
sulla sedia, luogo di briciole e tramonti.

Sì, la tua voce è un passero.

Mi grattugia il cuore, spreme
il miele che può illuminare un passero.

Guardala aperta la tua voce, mostra le trame
della notte, i balconi con le tende illuminate,
i silenzi che torturano corridoi deserti.

I paesaggi si susseguono, si srotolano
nella tua saliva.

Con la tua voce preparo una cuccia a misura dell'autunno,
mischio nuvole e ottobre, vento e malinconia,
e chicchi d'uva gialla come gialla è la tua voce.

La tua voce mi si appiccica qui, lungo
il profilo delle colline, sulla linea della nostalgia.

Nella tua voce affiorano le vecchie dita dell'arcobaleno.

Nella tua voce sonnecchia il dolore, come un gatto,
lo addomestichi nel pianto, lo inganni
coi rivoli del tuo sorriso.

Sì, la tua voce è un passero, mi tempesta qui,
col suo piccolo becco arrochito dal mare,
qui dove il cuore perlustra gli uliveti
e indugia dove l'ombra intenerisce il feroce
canto delle cicale,

insegue il sogno dell'erba docile,
a perdifiato, come a perdifiato la tua voce
corre incontro alla mia fame.





« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Polvani, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: equilibri (Pubblicato il 20/02/2012 18:03:01 - visite: 994) »

:: una penna verde (Pubblicato il 03/01/2012 22:46:16 - visite: 946) »

:: qui (Pubblicato il 02/12/2011 22:27:24 - visite: 880) »

:: signor peschechera vincenzo (Pubblicato il 02/11/2011 13:58:11 - visite: 1085) »

:: panca (Pubblicato il 02/10/2011 18:58:19 - visite: 960) »

:: A Pino che se ne va (Pubblicato il 06/09/2011 14:19:14 - visite: 934) »

:: buongiorno (Pubblicato il 03/08/2011 17:21:14 - visite: 930) »

:: un piccolo fuoco (Pubblicato il 25/06/2011 12:41:00 - visite: 1021) »

:: assaggiare il vuoto (Pubblicato il 02/06/2011 12:13:52 - visite: 1075) »

:: Bambine in corsa (Pubblicato il 25/05/2011 20:47:25 - visite: 967) »