Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 2018 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Dec 4 23:58:23 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Curiosità animalesche

Argomento: Animali

di Laura Maggiani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/12/2007

I

Gli occhi degli animali domestici, come i gatti, quando vengono illuminati dai fari di una macchina o da una torcia, brillano; questo fenomeno è determinato da un pigmento riflettente chiamato TAPETUM LUCIDUM che permette alla retina di ottimizzare la poca luce notturna che riceve (a spese della nitidezza visiva). Questo pigmento manca nell’uomo e nel suino che hanno invece un’acuta visione diurna.

II

Lo sapevate che nel piccione e nel colombo un ormone chiamato PROLATTINA (PRL) provoca lo sfaldamento dell’epitelio dell’ingluvie (che cos’è?) determinando la secrezione del LATTE DEL GOZZO, il quale non è vero e proprio latte, ma un alimento indispensabile per l’alimentazione della prole nei primi giorni di vita.

III

Come fà il cammello a sopravvivere nel deserto? Sì, è vero, ha la riserva d’acqua, ma... come fà a mantenerla senza che evapori con la sudorazione?
Il meccanismo è facile, esso può aumentare la sua temperatura corporea nelle ore più calde (ha un intervallo di temperature molto ampio, da 34 a 41°C), evitando così una eccessiva sudorazione, un modo per risparmiare l’acqua che sarebbe necessario evaporare se la sua temperatura corporea dovesse rimanere costante. L’eccesso di calore accumulato viene smaltito di notte. Il cammello suda quando la temperatura ambientale supera i 35°C ma la presenza della pelliccia, oltre a isolare termicamente l’animale, limita l’entità della evaporazione di circa il 50%. Se la temperatura corporea supera i 41°C il cammello deve bere per non andare incontro a disidratazione. Una caratteristica importante dell’adattamento del cammello alla vita del deserto è la sua capacità di sopportare un notevole grado di disidratazione: sopporta perdite di peso per disidratazione del 25-30% mentre per il cane il 12% è letale.
Un’altra caratteristica del cammello è la sua capacità, quando è disidratato, di estrarre acqua dai polmoni prima di espirare. Le membrane delle cavità nasali sono ricoperte di una sostanza mucoide che assorbe la maggior parte del vapor acqueo dall’aria espirata e lo cede alla successiva aria inspirata.
Infine, il cammello è in grado di bere grossi volumi d’acqua in poco tempo (in 10’ introduce acqua equivalente circa al 20% del suo peso). La reidratazione dei tessuti avviene in pochissimo tempo mentre negli altri animali questo processo richiede parecchie ore.

IV

Curiosità da Guiness Mr. Jeffries, è il cane con le orecchie più lunghe del mondo! Razza Bassett Hound, è il cane con le orecchie più grandi del mondo come certifica l’edizione 2004 del libro del Guiness dei Primati. Mr. Jeffries, le cui orecchie misurano 29,2 centimetri ciascuna (vedi foto in alto), vive con il suo padrone,, Phil Jeffries, nel West Sussex inglese. Knightsfollie Ladiesman è il nome completo del bassotto, nipote di Biggles, il cane diventato famoso per aver presato la sua faccia e soprattutto le sue orecchie alla celkebre linea di calzature americane Hush Puppies. Le orecchie di Mr. Jeffries sono assicurate per più di 45mila euro.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Laura Maggiani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.