Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1552 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Apr 8 02:12:43 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

ZEN : luci / colori / stagioni / esternazioni

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/07/2011 17:22:02

ZEN : luci /colori /stagioni /esternazioni

(Disciplina del Mahajana Buddhism, pronuncia giapponese della parola chinese Chàn, derivata dal Sanscrito dhyana, che approssimativamente è traslata con "meditazione" o "stato meditativo").

Primavera:
o della pietra grigia, ovoidale, perfetta
sospesa sull’ampia campitura del giardino
sfuma dall’intenso al verde chiaro
colpita dalla luminosità dell’alba che avanza

trasparenze di un gioco di specchi
specchiare di cristalli che si rifrangono
nella limpidezza pura dell’aria
virgineo risveglio di lontananze

spirito di pace, di continuo ricongiungimento
germoglio che avanza dentro l’ampliarsi del tempo
ovulo di vita che rischiara
il passo estemporaneo dell’eterno.


Estate:
o del blocco granito, denso, spaccato dal sole
rosso melograno gravido che figlia e si disperde
nei ciottoli disseminati nel giardino
incontinente

linee che si rincorrono avide, curve che si disciolgono
a dar forma a segni, simboli vaghi
geroglifici d’una età mai dimenticata
occultata nella lucentezza del fuoco

metamorfosi, fughe di solidi che si rincorrono
che si contendono l’eterno riproporsi consistente
delle forme
del divenire della materia.


Autunno:
o dell’infinito ritorno, dal giallo intenso al bruno
al rosso sangue della terra che chiama
concretezza di spasimi, di eventi, di volontà affermate
dentro la brace accesa di soliloqui stanchi

patriarca senza legioni, crepitio d’ossa prigioniere
epitaffi di un’attesa che scorre lenta che stenta a venire
foglie uccise ancora vive palpitanti
cadute nel giardino delle rimembranze

scroscio che s’inoltra negli spazi interstiziali
tra i ciottoli arsi, logorio di pietre come di pianto
cimitero di lagrime sparse sopra i misteri del canto
l’ultima come la prima nota dell’universo.


Inverno:
o della trasparenza del bianco, candore dell’acqua vitale
portento della trasformazione
concezione subliminale della spiritualità dell’anima
dentro il risvolto, la falda del cappello del tempo

immensità del giardino, dimensione della neve
vaghi cristalli di ghiaccio per un’estetica dell’infinito
stretta nel pugno che rimpasta, modifica, ricompone
materia d’uomo

trascendenza, inconoscibilità, immanenza degli elementi
bonsai cresciuto tra le rughe intorno alle gote
conoscenza dei capelli bianchi, delle occhiaie che fondono
la dura pietra, il tronco dell’albero spoglio, ricurvo
.   .   .
sotto il peso degli anni, tutt’uno con la vetusta età.




« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: ’fragilità’ (Pubblicato il 17/04/2019 06:30:43 - visite: 13) »

:: Pasqua (Pubblicato il 10/04/2019 06:50:02 - visite: 27) »

:: Mantra - OM (Pubblicato il 09/04/2019 05:27:42 - visite: 27) »

:: ’flamen / soffio’ (Pubblicato il 01/04/2019 05:57:35 - visite: 66) »

:: ‘evocazioni’ (Pubblicato il 24/03/2019 11:38:36 - visite: 63) »

:: ‘canto corale’ (..a Edvard Munch) (Pubblicato il 16/03/2019 06:39:23 - visite: 68) »

:: ‘congiungimenti’ (Pubblicato il 05/03/2019 07:56:06 - visite: 73) »

:: ‘abbandono’ (Pubblicato il 26/02/2019 17:51:47 - visite: 73) »

:: ‘mare d’inverno’ (Pubblicato il 11/02/2019 16:16:13 - visite: 88) »

:: ’pari intervallo’ (Pubblicato il 08/02/2019 02:05:13 - visite: 94) »