Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1289 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jun 6 16:47:40 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Paesaggio d’Agosto

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/08/2011 07:28:41

Paesaggio d'Agosto.


Filari di pioppi nella piana verde
a distesa
dove un uccello vagabondo gioca
si perde, s’incanta
e qualche foglia ingiallita cade
cullata dal vento.
Dalla cascina sorge un leggero canto
uno scroscio d’acqua allegra
e lo sbattere dei panni sulla pietra.
Più in alto, un cielo limpido
aperto, lontano
e un sole chiacchierino, quasi dispettoso
che sbuca dalle fronde dei filari silenziosi
in fila come i pini al cimitero.
Sulla collina mesta
che s’alza dietro al cascinale
e nei campi a distesa
bei grappoli d’uve dorate
appesi alle contorte viti
già chiedono d’esser colti.
Peri e meli piegano i rami dai bei frutti saporosi
e fratte di more, ancora rosse
e nere a delimitare i solchi verso la radura.
Ed erbe mediche e ciuffi di lavanda
ortiche, malva e ginestre
dal profumo intenso
cui le farfalle allegre svolazzano d’intorno
rincorrendosi gioiose.
L’aratro è fermo
arroventato il ferro della lama sotto il sole
il cavallo sonnacchioso e stanco
asciuga all’aria immobile
l’affanno pel lavoro prestato
mentre l’uomo sdraiato sopra il prato
giace all’ombra del grande e torto ulivo
osservando intorno la distesa
colma di pace
ma nei pensieri suoi
c’è un grillo che canta senza posa.

da "Carte sparse e dimenticate" - (1966 -1976) - raccolta inedita


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: ‘trasposizioni’ (Pubblicato il 16/06/2019 21:13:49 - visite: 14) »

:: ‘illusione di un giorno’ (Pubblicato il 29/05/2019 15:41:21 - visite: 34) »

:: ’fragile’ / 4 (Pubblicato il 27/05/2019 17:57:34 - visite: 29) »

:: ’fragile’ / 3 (Pubblicato il 23/05/2019 06:23:46 - visite: 33) »

:: ’fragile’ / 2 (Pubblicato il 14/05/2019 07:15:15 - visite: 47) »

:: ‘rimembranze’ (Pubblicato il 10/05/2019 05:43:06 - visite: 59) »

:: ’emanazioni’ (Pubblicato il 25/04/2019 12:24:32 - visite: 49) »

:: ’fragile’ (Pubblicato il 17/04/2019 06:30:43 - visite: 72) »

:: Pasqua (Pubblicato il 10/04/2019 06:50:02 - visite: 71) »

:: Mantra - OM (Pubblicato il 09/04/2019 05:27:42 - visite: 67) »