Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
21 marzo - Giornata Mondiale della Poesia: La Poesia, i Poeti #poesiapoeti »
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 848 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Mar 21 14:21:53 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Pianissimo per non svegliarla

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 02/05/2013 00:52:14

"E lo sognavo, e lo sogno,
e lo sognerò ancora, una volta o l’altra,
e tutto si ripeterà, e tutto si realizzerà,
e sognerete tutto ciò che mi apparve in sogno.

 Là, in disparte da noi, in disparte dal mondo

un’onda dietro l’altra si frange sulla riva,
e sull'onda la stella, e l’uomo, e l’uccello,
e il reale, e i sogni, e la morte: un’onda dietro l’altra."

                                                                                                                                                            - Tarkovskij -

 

 

Si elide lentamente

nelle forme cicliche del rito

l'ansia che sa il termine di tutto

battendo di un solo passo l'uomo

-mundus  imaginalis

lieve parete - al volto tuo

con quali occhi e mani

posso avvicinarmi

-lama gemella  di bellezza-?

 

Faccia a terra con le parole. lotto 

aspettando entri. la felicità

pietra luminosa che si muove ancora

nel giordano infinito. sotto la neve

fruga il pane tra gli steli

il nome (è) sveglio si posa sulla sera

lei sogna riversa vita

in completa nudità, dimentica

di una ferita polare senza cura,
correndo dentro tutto il corpo
poco e molto insieme. Pianissimo
per non svegliarla
dagli occhi esce la foglia 
si leva l'ascolto dalle mani
schiusa
verso terre di quiete
dove perfino il buio
ha spento il buio,
colando ai piedi luce

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Le azzeruole #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2019 23:57:12 - visite: 133) »

:: Babij Jar #GiornoMemoria (Pubblicato il 26/01/2019 19:38:49 - visite: 126) »

:: Rayuela (Pubblicato il 24/01/2019 19:21:51 - visite: 132) »

:: Siamo stati angeli nell’acqua (Pubblicato il 04/01/2019 11:13:09 - visite: 203) »

:: L’acqua nascosta nel piccolo melo (Pubblicato il 30/12/2018 15:38:06 - visite: 114) »

:: La fragilissima (Pubblicato il 20/12/2018 10:07:49 - visite: 130) »

:: Più di un giungere soltanto (Pubblicato il 27/06/2018 20:18:20 - visite: 253) »

:: Pianete (Pubblicato il 05/06/2018 09:11:01 - visite: 242) »

:: Saliva celeste come un ricamo - Videopoesia (Pubblicato il 03/06/2018 22:55:00 - visite: 350) »

:: Noi (Pubblicato il 31/05/2018 01:11:06 - visite: 233) »