Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1136 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jun 16 11:59:08 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Con un dito sulle labbra

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 8 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/09/2014 11:17:37

Non scambiare le immaginazioni per i fatti ,

e i fatti miei per immaginazione- 

se credi in Dio, opera con lui,

se non ci credi,diventa lui o l’uno

e l’altro- E' vita

che si nutre della vita dall’inizio

infliggendo a tua madre quei dolori,

e ancora per il cibo lotterai, ed un riparo.

 

 

Una colonia di formiche, o gli uccelli in stormo

sanno che il principio della terra fu nel verde

al terzo giorno appena, e solo il sesto noi

gli ultimi arrivati. Ci sono terre emerse

se nel becco c’è l’ulivo, e si offre tra le mani

a garanzia di vita. Puoi piantare quella vite d'oro

nell’asciutto ed ora. È un gesto libero

succhiare alla radice con la bocca

la noce e i piedi in aria, è tenerezza

il tuo sesso sulla terra e il sogno che ne viene

sembra fermo, ma cammina come gli alberi che amo:

due percorsi insieme, nomadi e stanziali, uniti

per la luce vegetale. Dove un buco ci ferisce

viene nuovo un ramo, se ti offro un fiore per talea,

si propaga il tuo giardino e siamo ancora uno

tra la terra e il sole. Nella ricerca non fuggire

l’ombra con lo scopo del rivale.

 

Se tieni gli occhi lontano dalla mente

sono dappertutto, sui viticci gli apici e i germogli,

persino il legno e le radici hanno occhi piccolissimi

per trovare il buio, odorano la terra, per chiamarti-

sono le parole delle piante, quegli odori in aria,

come i geroglifici o le rune, è una sola voce

che per paura per amore avverte.

 

Mimosa pudica.. ti chiudi se ti tocco,

e in giro per i boschi ti riapri

e ascolti, quando cerchi l’acqua,

senza orecchie. Io ti sento dentro

con la pancia sotterranea della musica

traspirare gocce e offrirti, da una foglia

all’altra, passare la parola dai capelli

ai piedi senza niente per la mente

 

distribuita timidezza delle chiome

sfiorando con le cure la famiglia

facciamo ancora insieme i fiori bianchi

del ciliegio, per le api, fino al rosso,

per gli uccelli in volo, e il nostro seme,

andrà lontano dalla pianta-madre,

per riprendere la vita. Siamo così pochi

tra le piante al suolo, nella presunzione dominanti

con la bocca ed un cervello e il cuore,

due polmoni. Sanno andare all’acquabuona,

non è questa intelligenza? O servono astrazioni

la parola e gli strumenti? io li sento camminare,

per raggiungere una parte della luce, gli alberi

 

mentre tocco le radici di ogni giorno

come stimmate, piegando i rami all’apice,

inginocchiata sulla fonte dell’umidità,  

parsimoniosa e gravida la luce si raccoglie

bianca, tra le mani, colma di ogni sua mansione,

dell’essere senziente per milioni di filini,

come stormi uniti in volo, la sua voce

è sciame. Puoi vedere?

-o è più forte la cultura per negare,

se non ha occhi al centro della fronte.

 

Continua pure la ricerca della tua ragione,

in qualche parte dello spazio, io le ho viste,

le ho viste accendere di notte le radici

una luce per se stesse, per sognare.

                        è il sonno delle piante,

quando il loto si solleva con le foglie

riunendole a preghiera,

per rendere invisibili i suoi fiori,

nella posizione di riposo

che avevano alla nascita i germogli...

 

                    con un dito sulle labbra,

abbiamo tra le gambe un nuovo nato.

Porta nel sogno quello che noi siamo,

la presenza eterna della vita.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 8 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Pesach (Pubblicato il 20/04/2019 19:34:58 - visite: 120) »

:: Le azzeruole #GiornoMemoria (Pubblicato il 27/01/2019 23:57:12 - visite: 185) »

:: Babij Jar #GiornoMemoria (Pubblicato il 26/01/2019 19:38:49 - visite: 160) »

:: Rayuela (Pubblicato il 24/01/2019 19:21:51 - visite: 183) »

:: Siamo stati angeli nell’acqua (Pubblicato il 04/01/2019 11:13:09 - visite: 247) »

:: L’acqua nascosta nel piccolo melo (Pubblicato il 30/12/2018 15:38:06 - visite: 145) »

:: La fragilissima (Pubblicato il 20/12/2018 10:07:49 - visite: 189) »

:: Più di un giungere soltanto (Pubblicato il 27/06/2018 20:18:20 - visite: 287) »

:: Pianete (Pubblicato il 05/06/2018 09:11:01 - visite: 281) »

:: Saliva celeste come un ricamo - Videopoesia (Pubblicato il 03/06/2018 22:55:00 - visite: 395) »