LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Adielle
Ritmo (di gara)

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Chi avanza pretese

sulle tue cosce tese

e il tribunale dove giustizi le parole

sulla voglia di vivere 

che ti conduce dove vuole?

La mente  non registra che apparenze

potrai disfarti del mio corpo

una volta che avrà raggiunto 

un peso che potrai sollevare

e la forza delle tue braccia sarà una vestale

che celebri il rito

di una degna sepoltura.

Che ti fa paura, lamina fioca 

o superficie del mare

quando l' onda ti abbassa la cresta?

E quando tutta la spiaggia ti sta a guardare

culo e seno e nessuno

sente una parola farsi desta.

Ti metto alla destra del padre

come una culla di Gesù

ubriaco di vertigine la mia voglia di andar giù

perchè come puoi vedere non muoio dalle voglie

ma resisto come a casa mia

fossi a casa del mio padrone

la gente parte per far fortuna

lontana è la tua terra

ogni volta che fischia il treno

mala guerra conduci se non sei terrena

e la stagione ritarda

all' ombra-fiotto di ogni vena.

Ci vogliono le maniere forti

idrocarburi di massa

digiuni all' ultima danza e tasche vuote

per mettersi in cammino

senza piegarsi alle lunghe distanze

e tenere il passo di un' intuizione di felicità

che scandisca il ritmo di gara

o la sveglia del mattino.

 

 Lorenzo Mullon - 29/01/2015 08:21:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

molti avanzano pretese sulle cosce tese dell’anima
l’ho appena scritto:
noi non siamo uno, ma due strettamente abbracciati
lo dice una poesia indiana
e persino la più attenta delle psicanalisi
bisogna prenderne coscienza
l’altro è uno specchio di ciò che siamo profondamente
(oltre ad essere una persona da rispettare e amare)
e quindi la relazione a due in realtà è a quattro
lo sapevi?
peccato non se ne parli, quanta non conoscenza
poi in realtà dentro siamo una folla di voci
con tutto quello di cui veniamo imbottiti

e allora, bisogna per forza essere a casa del padrone
siamo noi il padrone
dobbiamo dare un calcio agli ospiti indesiderati
e ritrnare in possesso della casa
"Ci vogliono le maniere forti"
e tenere il passo di un’intuizione di felicità
fìdati!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.