LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Alberto Rizzi
Andato

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

E' nel prosieguo della vista

                                          che ti s'incolla al cuore ogni momento

 

un sovrapporsi statico di cicale

genera continue trasparenze

di finestre sopra altre finestre

e di immagini aspre

                              a guisa

 

                      (per esempio)

 

d'una casa irta di comignoli

                 vuota d'anime

con il tetto slabbrato

per le molte intemperie

ed erbe dalle foglie dentate

a piantumare l'odio

                              ricòrd'amàro e mairimòsso

 

ma la bava d'aria

nel calore dell'inverno che fonde primavera

                                                                   aiuta

 

Compare la superficie appena mossa

d'un mare amico

                antico

si fonde con la tovaglia appena increspata

d'un tavolo anch'esso d'anni andati

                                                      come le finestre al muro immaginate

e che anni visse in un tinello antico

                                             amico

 

è anche il rombo del gabbiano

planante alla murata in pietra

in riva a un lago maiscordàto

                                             come quel vecchio Caravelle

che vola incontro a infanzia

 

S'acquieta ora il respiro

                                    sincronizza mese con mese

nel cuore dei ricordi

                               le formiche percorrono i piedi nudi

in totale tranquillità

 

una nebbia priva di calore

fonde le distanze

oltre la vera finestra aperta

        le stagioni che

altrimenti

               s'accavallerebbero impetuose

 

Il ronzio d'un'ape là fuori

spalanca le porte d'un fiore

e come per andare

s'apre anche il ricordo d'una gravina

in bosco asciutto al limite di schianto

                                                         era estate

e lo sarà ancora per sempre

davanti a quella frattura

così netta e obliqua

 

                       (scisto che scivola su scisto)

 

colpo al cuore

comm' se muy dangeroso

quel momento il fusse

 

Sincronizzato quieto il respiro

all'attimo secco del taglio

                                       che infine porta stacco

dagli occhi degli astanti

 

Le cicale persistono

                               fusa quet'estate a un novello inverno

 

 

(liberamente ispirata al racconto breve

di Antonio Amato "La sartina del Lago di Como",autopubblicato nel 2019;

 

tratta dalla raccolta inedita

"Il mestiere e altri accidenti")

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.