LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Amina Narimi
Il gemito più corto della terra

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Un filo d'aria mi rinasce
nel giardino sordomuto
la dolcezza di colline
è un tempo d'uva
e tesoro silenzioso
il melo si apre gravido

nello spazio delle gambe

svuotando l'orizzonte
in pause lievi nella mente
la distanza si contrae
sul polso della Vita
l'anulare:
è la grazia di un pensiero
l’indugio per toccarti più selvaggio
il gemito più corto della terra
nel breve canto della lingua
guidandoti le mani nel profondo

s’inchina  la prima lacrima di gioia

dove desidera essere carezzata

sei Tu. Il poeta

che leggi il mio labiale,proprio qui,

per quanto sia lieve

per i vuoti in gola

tenendo accesa la luce

al centro del sentiero

come aria che suona

 giuliano - 12/10/2013 13:24:00 [ leggi altri commenti di giuliano » ]

Molto bella

 amina - 11/10/2013 18:30:00 [ leggi altri commenti di amina » ]

Vi ringrazio ... a mani tese vi voglio bene

 Giorgio Mancinelli - 11/10/2013 13:27:00 [ leggi altri commenti di Giorgio Mancinelli » ]

Quando non bastano le parole, allora sono il sordomuto, il viandante sulle ali del tempo che ostenta l’indice per indicare il cielo, l’anulare per dire che sono scemo, entrambe le dita a voler dire vittoria oppure sconfitta, davanti al destino che incombe, con la sua ineluttabilità, davanti a queste mani che chiedono consapevolezza, coraggio, solidarietà, e che invece pongo contro il viso per nascondere la vergogna che mi faccio, di fronte a questa umanità tribolata, violentata, uccisa, cui è tolta la libertà. E torno ad essere quel nessuno che sono, privato dell’età per ribellarmi, per affrontare la lotta, e solo mi resta il grido spezzato in gola perché sordomuto, che ora soffoca un lamento che resta prigioniero nel mio cuore.

E’ molto bella ogni tua poesia Amina, così toccanti sono le tue parole, grazie per avermela inviata.

 quattrostraccisullapelle - 10/10/2013 07:54:00 [ leggi altri commenti di quattrostraccisullapelle » ]

Rimango in silenzio, come quando si "ascolta parlare" la Bellezza nelle espressioni dell’Arte e solo il silenzio è un cielo di stelle al viandante in cammino notturno.

 Loredana Savelli - 10/10/2013 07:29:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Bella, molto.

 Adielle - 10/10/2013 01:55:00 [ leggi altri commenti di Adielle » ]

Che bella l’aria fresca della sera
nel giardino dei segreti svelati
sembra quasi che si avveri sul profilo delle labbra
la promessa della vita di lasciar fiorire ogni tua singola parola.
Ciao Amina.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.