LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Angela Giannelli
Maggio

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

(Da "La via della seta/e parte II" Ladolfi Editore)

 

M A G G I O
IL PARADOSSO DI SCHRÖDINGER
a Giovanna

Parole ondeggiano nell’aria
come folaghe sul ciglio dello stagno
poi nel canneto d’improvviso
si scagliano per nidificare

Di chiazze viola si tinge
lo sterrato dei penta - bilobati
petali dei fiori della malva
e cespi di margherite gialle

M’ama - non m’ama …
Due piccole dita sfogliano
impazienti le corolle
M’ama - non m’ama …

Sfrecciano lucertole eccitate
arraffando formiche
Sul muro un gatto al sole
Minuscole lumache sugli sterpi

M’ama - non m’ama …
cantilena irremovibile la piccola
stringendo fiorellini fra le dita
Di falchi neri rombano le piazze

Un treno sferraglia di passaggio
Brucia ancora Damasco ?
Kabul muore? A Il Cairo s’ammazzano?
S’accampa tra le rose un altro maggio …

M’ama - non m’ama …
canticchia tremolante la bambina
accucciata tra i fiori
e giochi di farfalle fra le trecce

Dal cielo le aquile sorvegliano
caprioli ipnotizzati sulle rocce
Dalla scarpata spiovono ginestre
Scroscia dal costone una cascata

M’ama - non m’ama …
S’affanna nel conteggio la piccina
sommersa ormai dal giallo
fino alle ginocchia

Nell’ombra c’è qualcuno
che spara o ch’è sparato
o arde come torcia nella notte
o si torce appeso con il cappio al collo

Avanti e indietro svolazzano le api
dai fiori fino al favo
Sotto le pietre sbadigliando
dal letargo si destano le vipere

Si scuoiano da vive le fochette ?
Un colpo secco al collo delle cavie
ma talvolta qualcuna
sfugge sanguinante alla mannaia

Per te un ibisco rosa - figlia -
disperata per la tua imperizia
Mistero della luce : brucia e non
acceca Damasco che s’offusca

I nostri giorni - petali scanditi
ad uno ad uno dalla lontananza
- non posso più tacerne ora -
con il cuore nel cuore

C’era una volta … C’erano un cane
un topo un’oca un passero tre rane
In bare di cartone nel freddo
della terra li abbiamo sotterrati

Schrödinger dal mantello albicocca
pure è da un’altra parte
e non sappiamo dove fa le fusa
o intuisce catastrofi

E non ci è dato di sapere se è vivo
o morto o vivo e morto
contemporaneamente … Anche la sua vita
è una scatola chiusa impenetrabile

Ora la tua mano sfoglia le foglie
dell’acero maestoso del giardino
talvolta nella neve
tal’altra nella solitudine

Dalla finestra entra un breve sole
a carezzare i gatti sulle tue ginocchia
oppure s’affaccia uno scoiattolo
o ti sbircia una coppia di procioni

Anche i tuoi sogni
come rubini blindati in un scrigno
danzano fra le nubi
e non temono altezze o precipizi

Ma non si priva maggio del maestrale
e ancora scuote l’argento degli ulivi
e l’erba nuova e le corolle viola
e accende granate nelle piazze

Sapessi … ! Come tacerne  ?
Qui negli slarghi si levano patiboli …
C’è grande confusione per le strade
di scavi e recinti e di rifacimenti …

Io sfrondo ancora margherite :
enumerando ad uno ad uno
i petali del tempo che mi resta
erro i totali con grande maestria

Senza pudore alle voglie del grembo
ancora m’abbandono ?
Nella mia bacheca io sono pressoché morta
ma pure viva - contemporaneamente

e non m’importa dell’atomo casuale
che mi truciderà all’improvviso
senza anestesia lasciando
solo il cuore a martellare all’infinito

Viviamo a volte vite
che non sono nostre - acquistate
a due soldi su un banco del mercato
e indossate per un giorno solo

Non io - che vivo vivendo la tua vita :
come criceti sulla giostra - figlia -
nessun abisso o giro sulla ruota
le ali ci spaurisce

Nel tempo che s’incurva
ancora fioriranno margherite
che di giallo tingeranno le tue mani
e le tue gambe fino alle ginocchia

Anche di storie come queste
altre ce ne saranno :
fra calcoli errati tumulti e indecisioni
tante resurrezioni come la fenice

Forziere di Bellezza la tua vita
fino a quando le dita
i petali di un fiore sfoglieranno
T’ama - non t’ama - T’ama !

 Ivan Pozzoni - 07/01/2018 15:27:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

Bella! :-)

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.