LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Antonio Terracciano
Tra Guermantes e Méséglise

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]

Ognuno tra Guermantes e Méséglise

si muove nel suo viaggio in verde età

nel mondo, per lui quello delle "églises"

di famiglie di mamma e di papà.

 

Sempre è nobile una più dell'altra,

più povera, operaia o più borghese:

il bimbo non sa sceglier l'una o l'altra,

sballottato si sente tra due chiese.

 

E a domanda che a volte egli riceve,

"Vuoi più bene alla mamma od al papà? " ,

risponde "A tutti e due! " , ma sempre deve

far conti con dissimili realtà.

 Franca Colozzo - 16/03/2018 23:14:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Grazie Antonio. In verit, ho appreso qualcosa di pi su Proust e su La Recherche. Un lungo cammino che ci porta ad esplorare, anche per merito della tua poesia, le variegate sfaccettature dell’opera proustiana. Mi piace particolarmente la chiusa con quella domanda, da me sempre osteggiata, al bambino. Mi chiedo spesso perch gli adulti siano cos sadici con i piccoli proponendo sempre questo lacerante quesito. A me dava molto fastidio. Comunque al di l di tutto, sto imparando molte pi cose su La Recherche e di ci ringrazio te e la Redazione, che ha messo a nostra disposizione questo sito. Buona notte.

 Antonio Terracciano - 15/03/2018 23:51:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

L’interpretazione di Franca Colozzo in perfetta sintonia con ci che volevo esprimere con questa poesia. Non la prima volta che cerco di rendere omaggio a questo sito, che si chiama "La Recherche" , con qualcosa che ha a che fare con Proust. Si era presentato in testa (come quasi sempre mi succede) solo il primo verso, "Ognuno tra Guermantes e Msglise" : mi suonava bene ma, per ricavare una poesia, dovevo "ricercare" l’argomento di cui parlare, e cos mi sembrato naturale affrontare la situazione del bambino piccolo che, anche senza dirlo apertamente, si pone tuttavia quella domanda ( "Ho preso pi da mio padre o da mia madre? " ); a me succedeva da piccolo, e intuisco, dal suo commento, che questo dilemma abbia sfiorato un tempo anche Franca.

 Franca Colozzo - 15/03/2018 20:11:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Antonio, questa tua erudita poesia che scava dentro l’opera di Proust m’induce a delle riflessioni sulla sua voluminosa opera, in cui il narratore ritrova il Tempo, scopre di essere artista, si mette a scrivere, riscatta la sua vita, etc. Si potrebbe gioire di ci, perch come il finale dei film americani: "E tutti vissero felici e contenti". Ma il famigerato Tempo perduto non pu essere ritrovato e, secondo Samuel Beckett (1931), pu essere solo cancellato per qualche istante. L’impressione che il Bene trionfi l’illusione che Proust, lui stesso disincantato, vuole offrire al lettore. Perch ho fatto questa premessa? Tu affondi le radici di questa lirica ne "La Recherche du temps perdu", in cui palese la dicotomia tra la costiera di Guermantes ed il suo contraltare, quella di Msglise, tra la presenza aristocratica nella prima, in opposizione all’altra, proletaria o borghese. Ora se ci mettessimo nei panni di un bambino, sballottato nell’una o nell’altra, a seconda delle condizioni economiche della sua famiglia, ci troveremmo forse in crisi profonda su quale delle due sia da preferire. Ancora non essendo egli consapevole delle strette maglie della societ e vivendo nel limbo dell’ingenua infanzia, rimane perplesso di fronte a siffatta domanda. Il ragazzino non comprende affatto, cos come quando, alla stessa stregua, gli viene chiesto se vuol pi bene a mamma o a pap. Io la detestavo quella domanda e, al pari del bimbo, per non offendere nessuno, rispondevo: "A tutti e due!". Ho trovato originale questa tua poesia. Ti auguro una buona serata.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.