LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo proposto da Franca Colozzo
Afghanistan - Il Volto Della Guerra

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

L'immagine può contenere: Valeria Di Marco Sims, con sorriso  

 

PREMIO LAURENTUM ITALIANI NEL MONDO 2010
"Premio per la Poesia XXIV ED."

Vincitrice Primo classificato: Valeria Di Marco
MAXXI MUSEO - 30 NOVEMBRE 210 - ROMA

  

 

ITALIAN LAURENTUM AWARD IN THE WORLD 2010
"Poetry Award - XXIV ED."

First classified winner: Valeria Di Marco
MAXXI MUSEUM - 30 NOVEMBER 2010 - ROME

 

 

 

 

   AFGHANISTAN

   Il Volto della Guerra
 

 

Il volto della Guerra è nascosto

dalla rete di un burqa,

una gabbia leggera,

che imprigiona lo sguardo.

 

E’ negli occhi dei bambini,

prigionieri delle loro paure,

mutilati o ciechi

per giocattoli improvvisati,

piovuti da un cielo ostile.

 

Il volto della Guerra

è avvolto da turbanti neri,

che ignorano preghiere

e mascherano

l’odio di religione.

 

E’ nel deserto dei Mujaheddin

e sulle cime dei monti,

nella scuola negata

alla donna oltraggiata.

 

Il volto della Guerra

è nell’attesa quotidiana

che il massacro finisca,

è nella morte lenta

che il terrore ha seminato.

 

E’ tra le vette frastagliate

di un paese lacerato

tra lande sconfinate

coltivate ad oppio.

 

Il volto della Guerra

è nel sorriso incantato

delle donne di Herat,

ammiccanti tra i fasti

di un glorioso passato.

 

 

 * English version

 

 

  AFGHANISTAN

  The Face of  War

 

 

The face of War is hidden

by the net of a burqa,

a lightweight cage

imprisoning the glance.

 

It's in children’s eyes,

slaves of their fears,

crippled or blinded

by unsuspected toys

rained from a hostile sky.

 

The face of  War

is wrapped in black turbans,

using religion and prayers

to disguise their hatred.

 

It’s in the Mujahidin desert,

on the top of the mountains,

in the school denied

to the women enslaved.

 

The face of  War

is in looking forward

to the end of the slaughter,

in the slow death

that terror has strewed.

 

It is among the jagged peaks

of a country by war torn apart,

among boundless lands

planted with poppies.

 

The face of  War 

is in the enchanting smile

of the Herat women,

winking from the splendor

of their glorious past.

 

By Franca Colozzo

 
 L'immagine può contenere: 2 persone, persone in piedi, vestito elegante e spazio al chiuso
 

 Giulia Bellucci - 11/12/2017 11:42:00 [ leggi altri commenti di Giulia Bellucci » ]

Poesia ben strutturata nelle sue sette strofe di quattro e cinque strofe. Un ritmo che giunge al cuore colpendo per la sua eloquenza. Tratta di un argomento così tragico e complesso in modo semplice, utilizzando parole mai superflue e perciò ciascuna con il suo significato. Purtroppo siamo così distanti noi da queste problematiche che ignoriamo totalmente la soffenza che si vive e se uno pensa che ci sono bambini dell’età dei nostri figli che proteggiamo tanto, non possiamo che restare attoniti! Purtroppo sembra anche che la parole pace diventi sempre più un’utopia. Complimenti infiniti a Valeria per la sua grande sensibilità. Un abbraccio!

 Arcangelo Galante - 26/11/2017 10:30:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Un testo toccante, che serve a ricordare l’infamia di tutte le guerre e le scelleratezze dell’uomo. Chissà per quanto altro tempo ancora dovremo ricordare l’inutilità di coloro che, per scopi economici e per giochi di potere, non si fanno scrupoli nel decidere già in partenza l’infelice destino di tantissimi bambini e adulti. Tutte le guerre, che ancora oggi non hanno senso di esistere, sono la vergogna e l’esempio della follia dei potenti. La storia lo insegna e nessuno sembra avere imparato dalle innumerevoli tragedie mondiali, accadute nel passato. Chi ha un cuore sensibile, soffre, quotidianamente, nel sentire di persone cadute, in battaglie innescate da futili ideali che non conducono a nulla, giacché il vero ideale è il rispetto dell’altrui vita. Aggiungo, inoltre, che trovo molti spunti di riflessione, in una poesia che scorre, senza inutili fronzoli. La crudezza e l’assurdità delle guerre, finiscono sempre per livellare, con la morte, la lotta per l’esistenza, e non è tutto. Nella pubblicazione, si potrebbero persino intuire due cattive abitudini umane, esacerbate dalla vita comunitaria: quella di coloro che trovano gusto nello scatenarla e quella opposta, nel subire gli irreparabili danni e conseguenze, di essa. Pertanto, a nulla di buono conducono tali battaglie, dettate dalla bramosia di potere e, ancor di più, dal semplice sfizio di tentare ogni prevaricazione sull’uomo. Emblematica resta la chiusa dell’opera, ove forse, potrebbero apparire troppo ovvie le considerazioni scritte, ma assai utili nel leggerle e da ricordare. Contenuto su di una realtà atroce, altamente condiviso ed apprezzato. Sinceri complimenti, Valeria, per la meritata vittoria. Cordialmente, saluto.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.