LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Diego Bello
Fosse noia mortale che sÂ’appressa

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Fosse noia mortale che s’appressa

all’ombra stanca di parole vuote

da briciole di sole fugga – in dote

all’occhio – e travi senza voce tessa.

Cominci il sorgere d’inverno cupo

verso uno stagno di speranza imbelle

con quella rosa fragile di pelle

chiara, scavato un solco in un dirupo.

Sento alla fonte ancora che zampilla

remoto il tuo sorriso che non sciupo

e bruci tra le mani come stella

che nella terra arsa più non brilla.

Del proprio sangue si disseta il lupo

e stringe l’osso dentro le budella.

 

 

Secondo sonetto sulla lontananza

a rime incrociate e ripetute: ABBA, CDDC, ECF, ECF

 Franca Colozzo - 24/10/2018 00:03:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Se lo dice Salvatore Armando Santoro che il tuo è un sonetto ben costruito, ne puoi stare certo. L’equilibrio da te raggiunto sia in rima che nel verso sciolto dimostra padronanza tecnica e possesso dei mezzi espressivi e stilistici che caratterizzano un vero poeta. Complimenti! Mi son messa casualmente a spulciare poesie e mi son letta quasi tutte le tue.
Resto convinta che, al di là delle emozioni, sia fondamentale conoscere i mezzi espressivi della lirica. Il paragone che faccio da sempre è con la pittura. Può un pittore imbrattare solo la tela, alla maniera dell’arte astratta, o deve (Picasso docet) conoscere anche le tecniche? Non parlo di tecnicismo algido ed artefatto, parlo della capacità di saper armeggiare con la matita (disegno) e non solo con i colori. Mi si obietterà che anche solo dei colori armoniosi, buttati giù in maniera informale, sono di per sé un’opera d’arte. Certo, tutto è arte se all’occhio nostro aggrada, ma c’è arte e arte. Il futuro e il passato si fondono all’unisono, non c’è un verso prestabilito né confine all’opera d’arte. Però la conoscenza è imprescindibile, altrimenti anche un asino potrebbe essere un gran pittore, basta che imbratti bene la tela. Divago ormai, data l’ora. Ti auguro buona notte. Ad maiora!

 Salvatore Armando Santoro - 23/06/2018 12:30:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Armando Santoro » ]

Questo è un sonetto ed anche ben costruito. Diego lo conosco già perché ha già avuto un bel successo con il suo primo posto nella sezione Haiku del 3° Bando Letterario di Poesia, Narrativa e Saggistca Veretum che gestisco nel Salento.
Con questo sonetto perfetto, Diego da prova di bravura anche nella poesia classica. E non è cosa da poco!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.