LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Gil
Io scriverò

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Io scriverò dell'alba e del parco
e del fiore nel vaso
che chiamava i miei occhi allo stupore;

e scriverò di noi,
quel dolce pronome
che abbiamo abitato insieme,

mentre ci sfioriva tra le mani la vita
come una stagione mai vissuta.



 Alessandra Ponticelli Conti - 10/12/2018 21:35:00 [ leggi altri commenti di Alessandra Ponticelli Conti » ]

Che meraviglia!

 Gil - 15/11/2018 06:28:00 [ leggi altri commenti di Gil » ]

Rosa, Franca, Cristina, Salvatore: grazie! Onorato delle vostre parole.

 Salvatore Pizzo - 12/11/2018 18:12:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Amara, come solo un fiore descritto, però mai annusato...
Emoziona
un saluto

 cristina bizzarri - 12/11/2018 13:59:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Il contrasto tra le prime due strofe e la terza coglie di sorpresa, stupore e malinconia. Ricorda a tutti noi che siamo umani, e che anche i sentimenti sfioriscono, non perché non ci si ami più, ma perché qualcosa, anche in noi, assume le forme del passare delle stagioni. Con una semplicità levigata questa poesia raggiunge le emozioni e fa vibrare.

 Franca Colozzo - 12/11/2018 00:53:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Caro Gil, stai prendendo inconsapevolmente il linguaggio di Laura stemperato dalla dolcezza di questa stagione di morie di foglie e di natura. Ecco i fiori, i cocci e lo stupore mentre la vita sfioriva tra le mani...
Abitato un pronome insieme è come un abito che si indossa in due. Buona notte.

 Rosa Maria Cantatore - 11/11/2018 15:26:00 [ leggi altri commenti di Rosa Maria Cantatore » ]

questo senso dello sfiorire inconsapevole- e senza rimedio- della nostra esistenza mi ha molto colpita.

Come, del resto, tutte le tue poesie.

 Gil - 11/11/2018 09:56:00 [ leggi altri commenti di Gil » ]

Grazie, amabilissima Laura, ogni Tuo commento traccia un solco indelebile nell’anima, seme fecondo se non di nuove fioriture poetiche certo però di una memoria del cuore, che nutrirà per sempre i miei autunni ed i miei inverni esistenziali.

 Laura Turra - 11/11/2018 06:24:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Gil, questa tua ha una purezza che commuove.
Le vedo, tutte, le meraviglie di cui tu scrivi, che canti e dispieghi davanti ai nostri occhi sempre troppo lontani, noi sempre troppo disattenti a renderci conto di quanto abbiamo con grande ampiezza senza possederlo come corpo, ma possedendolo come intimo, profonda sostanza di noi stessi. Grazie, è bellissima. Ti abbraccio

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.