LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Francesca Lo Bue
Venezia (Venecia)

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Venezia

 

Pallida Venezia,

opalescenza di stelle e riverbero di plenilunio,

le tue ogive portano al delirio dell’Infinito.

Quale destino?

Il naviglio che scende nel labirinto del sangue,

lontana armonia nel suono spezzato delle acque.

C’è una lagrima di brina,

c’è Medea che chiama tra muraglie di piombo

mentre lo straniero mangia acini d’argento

negli occhi d’ambra della sera.

Spume antiche mi portano alle tue soglie

fra tabernacoli d’incenso

e incavi di mosaici incantati.

Venezia, libro di viaggi,

fra i tuoi ponti il cigno

nel ventaglio delle onde.

Venezia, sentiero di cielo,

tepore di lucignolo fra labirinti profumati di luce.

Ombra di fuoco perenne, la tua anima è rimembranza,

il tuo aroma finitudine di vita e pena purpurea.

Nelle tue maschere,

la pena ancestrale del mio viso.

 

Venecia

 

Pálida Venecia,

opalescencia de estrellas y reverberar de plenilunio,

tus ojivas se abren al delirio del infinito.

¿Cuál destino?

El bajel que desciende en el vorticar de la sangre,

lejana armonía en el sonido despedazado de las aguas.

Hay una lágrima de escarcha,

está Medea entre murallas de plomo,

mientras el extranjero bebe gotas de plata,

entre los ojos de ámbar de la tarde.

Espumas antiguas me traen a tus umbrales

entre las aras de incienso

y las honduras de los mosaicos encantados.

Venecia, libro de viajes,

entre tus puentes, el cisne

se desliza en el abanico de las ondas.

Venecia, sendero del cielo,

tibieza de candil entre laberintos perfumados de luz.

Sombra de fuego perenne, tu alma es remembranza,

tu aroma finitud de vida y pena purpúrea.

En tus máscaras,

la pena ancestral de mi rostro.

 

 Carla Vercelli - 28/10/2019 12:18:00 [ leggi altri commenti di Carla Vercelli » ]

Bellissima, sia in italiano, sia in spagnolo.

 Klara Rubino - 28/10/2019 11:58:00 [ leggi altri commenti di Klara Rubino » ]

Meravigliosa, complimenti.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.