LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Ivan Pozzoni
Non mi sono ancora accorto dell’Isis

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

     Purtroppo non sono ancora riuscito ad accorgermi dell’Isis. Però mi sono accorto dell’Irpef, dell’Irap, della Tasi, della Tari e dell’Imu. Sono due modalità differenti di fare lo stesso terrorismo. «Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, e non t’accorgi della Tari che è nel tuo? Come puoi dire al tuo fratello: Permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, e tu non vedi la Tari che è nel tuo? Ipocrita, togli prima la Tari dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello» [Luca, 6-41/42]. Però è tutta colpa dell’Isis: recessione, disoccupazione e ricapitalizzazioni delle banche italiane coi soldi della Bce. La salderemo, in Posta, mediante il sostegno dei Patronati, con la solita metodologia burocratica detta «a cazzo», tra confusione, strepiti, rutti e colpi di kalashnikov. Purtroppo nessuno è ancora riuscito ad accorgersi dell’Isis. Però ci siamo tutti accorti dell’Irpef, dell’Irap, della Tasi, della Tari e dell’Imu, e, finalmente, dell’Isit (Italian State improving taxes).   

 Rosanna Robiglio - 07/02/2018 15:28:00 [ leggi altri commenti di Rosanna Robiglio » ]

Purtroppo è vero, siamo tanto abituati a pagare tutto che lo facciamo controvoglia, ma tutti zitti fino ad abituare chi ce li propone a non accontentarsi mai di inventarne di nuove

 Angelo Ricotta - 18/01/2018 13:54:00 [ leggi altri commenti di Angelo Ricotta » ]

Proprio così, e tante altre! Una enorme quantità di denaro che è stata e che viene sperperata per tutta una serie di pseudo ragioni a vantaggio dei pochi e a scorno dei molti. Cosicché alla fine ci ritroviamo un abnorme debito pubblico che però dobbiamo pagare tutti. Mi chiedo: ma come mai lo devo pagare anch’io che non ho mai ricevuto niente gratis ma che ho pagato a caro prezzo ogni cosa?

 Ivan Pozzoni - 18/01/2018 11:32:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

Tipo le accise, magari sul terremoto del Belice o sulla guerra di Libia.

 Angelo Ricotta - 18/01/2018 08:26:00 [ leggi altri commenti di Angelo Ricotta » ]

Aspetta a dirlo! Vedrai che spunterà fuori anche la tassa Isis. In realtà già c’è ma è occulta come molte altre "tasse" che non si vedono ma che incidono in modo decisivo sulle nostre vite.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.