LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Ivan Pozzoni
Versi inversi

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Non cantiamo manti erbosi

inumiditi da una fine nebbiolina mattutina,

nei nostri versi inversi,

stanno distese d’erba sintetica,

ammorbate da fumi d’inquinamento.

 

Non cantiamo colli ridenti

riscaldati dal sole mite di mite autunno,

nei nostri versi inversi,

stanno massicci di rifiuti organici

accatastati in mezzo a una strada.

 

Le scale scendono sorprendendo tossici

nell’atto di bucarsi,

con l’indifferenza d’essere diversi,

ai ritmi della musica scontata

dei centri commerciali.

 

Non cantiamo mari cristallini intenti

a cullar barche col rollio dolce delle onde,

nei nostri versi inversi stanno vasconi idrici

da sistema antincendio,

colmi di zanzare e melme.

 

Non cantiamo bimbe vezzose indaffarate

ad acconciar boccoli biondi,

nei nostri versi inversi,

stanno mignotte sbattute a battere

ai margini degli agglomerati urbani.

 

Scendiamo

in Paradiso,

aedo narciso:

non fare baccano,

ti tengo la mano.

 

                     [Il Guastatore, 2012]

Commento non visualizzabile perché l'utenza del commentatore è stata disabilitata o cancellata.

 Ivan Pozzoni - 04/02/2018 18:47:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

Grazie, Roberto. Per la logica formale, ci sei vicino. Per la logica fuzzy, che prediligo, no: i secondi termini hanno valore maggiore dei primi.

 Roberto Milanese - 04/02/2018 15:01:00 [ leggi altri commenti di Roberto Milanese » ]

Spietata tautologia, grande. Complimenti Ivan!

 Klara Rubino - 04/02/2018 13:51:00 [ leggi altri commenti di Klara Rubino » ]

Ci stavo pensando! O.k!
Ci sono anche dei sospiri però è pause x lasciar defibrillare il battito perché si sa che è dal letame che nascono I FIOR!

 Ivan Pozzoni - 04/02/2018 13:15:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

No: come dire: "Io mi trovo bene nella vita ordinaria, a contrario di molti di voi". Le famiglie del Mulino Bianco mi stanno sul cazzo.

 Angelo Ricotta - 04/02/2018 13:08:00 [ leggi altri commenti di Angelo Ricotta » ]

"I mi permetto i secondi: inquinamento, rifiuti, tossici e puttane."
Come dire puro masochismo!

 Ivan Pozzoni - 04/02/2018 13:03:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

Klaretta, registrala tra tosse, conati e rutti. :-)

 Ivan Pozzoni - 04/02/2018 12:52:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

I mi permetto i secondi: inquinamento, rifiuti, tossici e puttane.

 Angelo Ricotta - 04/02/2018 10:19:00 [ leggi altri commenti di Angelo Ricotta » ]

"Non cantiamo manti erbosi...mari cristallini...bimbe vezzose
invece roba sintetica...inquinamento...puttane"

Nella vita, nel mondo c’è l’uno e l’altro. C’è chi si può permettere i primi e chi è costretto a subirsi i secondi.
Che ci vuoi fare, è un dio crudele!
Però mi chiedo tu...Dove vivi?

 Klara Rubino - 04/02/2018 10:02:00 [ leggi altri commenti di Klara Rubino » ]

Confesso che al primo verso della seconda strofa...fermi tutti. ..troppo bella...non riuscivo ad andare avanti!
Così, per fissare quell’emozione, l’ho riletta da capo registrando la voce...ci vorranno molti tagli x via della tosse, ma quel che resta è bello; la tua poesia è da shock!

 Ivan Pozzoni - 04/02/2018 01:15:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

Più che altro, con la maturità, mi infastidisce tenre la mano all’aedo narciso.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.