LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Loredana Savelli
Le rose del lago

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

Nelle acque turbolente del lago,
per effetto paradosso,
ogni diffidenza si dissolveva. 
Il merlo del salone aveva buon gioco
nel dire “buona sera” agli avventori.


Poi arrivò la pioggia, acqua sopra e sotto.
Le rose, schiaffeggiate,
momentaneamente si arrendevano.
I gatti stavano in guardia.
Il gallo cantò fuori orario.


S’udiva il suono sordo della caducità,
una sorta di vento che increspava dal fondo.

Anche noi nel cerchio liquido:
altro non s’immaginava. 


Dunque, le rose. Il luogo ne era
misteriosamente pregno.
Il cielo, tornato azzurro,
si consegnava all’esattezza di un effluvio,
come fosse arrivato il momento della giustizia.

 

 

 

 Loredana Savelli - 28/05/2013 12:58:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

a Emilio: accolgo con piacere queste tue parole, che mi commuovono. Tu sei una persona di una sensibilità straordinaria, se ne sono accorti i tuoi vicini?
Quanto alle "piccole cose", forse è un bene, dato che ho il vizio di ingigantire e a volte drammatizzare. Mi piace molto quello che tu dici riguardo "il mio passaggio": in realtà vivo in modo molto contradditorio l’essere e l’apparire. Non vorrei apparire mai, poi però finisco per essere invadente... non so se sia amore.
Ti ringrazio moltissimo, da amica ad amico, e con grande stima.

 Emilio Capaccio - 28/05/2013 12:34:00 [ leggi altri commenti di Emilio Capaccio » ]

Mario Quintana, uno dei più grandi poeti brasiliani del XX secolo è stato definito: "il poeta delle piccole cose".
Ecco, tu sei la poetessa delle "piccole cose" che racconti col tuo modo di fare poesia, in una poetica espressiva e nitida, a metà strada tra il realismo ed il simbolismo.
Vorrei chiarire che per "poetessa delle piccole cose" intendo dire che riesci col tuo sguardo profondo e autentico a ricondurre in una dimensione lirica e intima, a volte onirica, le cose che quotidianamente vediamo, e che alla maggior parte delle persone non dicono nulla o quasi; così tu mi parli di musica, di natura, di certi stati d’animo, di certe ore del giorno, di sensazioni, di paesaggi che poi mostrano sempre una valenza poetica molto profonda e delicata in te, nel tuo personalissimo "interiore", che elabori, come un lavoro di uncinetto, quando posi la mano sul foglio e lasci qui, come segno del tuo passaggio, per le strade, tra la gente; come manifestazione della tua presenza e del tuo modo di sentire "amore".

Ciao Loredana.

 Fiammetta Lucattini - 28/05/2013 10:03:00 [ leggi altri commenti di Fiammetta Lucattini » ]

L’immagine del contrasto tra cielo e lago mi ha ricordato pensieri simili che non ho saputo tradurre in versi. Un abbraccio.

 Ferdinando Battaglia - 27/05/2013 16:24:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

A questo punto, anche il "cari amici" potrebbe andar bene...
Sono sempre un po’ tardo nel comprendere le implicazioni di un testo, più facile è lasciarmi andare alle prime impressioni; in questa tua, ritrovo il sapore orientale dello zen (ma è solo tutto mio), per quel rompere la linea orizzontale del finito con una rosa, che qui diventa simbolo di una profezia.

Ciao Lory

 Loredana Savelli - 27/05/2013 15:35:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

p.s.
Care amiche...

 Loredana Savelli - 27/05/2013 15:32:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Grazie, cari amici. Si tratta del lago dii Vico, luogo assai evocativo colto in un momento di rara (credo) agitazione. Luogo profumatissimo.
Un caro saluto a tutti voi e in particolare ad Alessandra.

 Alessandra Ponticelli Conti - 27/05/2013 15:23:00 [ leggi altri commenti di Alessandra Ponticelli Conti » ]

Il mondo si ferma, all’improvviso e, paradossalmente, le cose ritrovano la loro dimensione naturale, ricominciando a vivere di vita propria. Molto, molto bella!

 Maura Potì - 27/05/2013 12:16:00 [ leggi altri commenti di Maura Potì » ]

Incantata e magicamente al centro di quel che descrivi: "Il cielo inodore, tornato azzurro,si consegnava all’esattezza di un effluvio invincibile,come fosse arrivato tra le cose il momento di rendersi giustizia". Bellissima, davvero. Ciao, Loredana

 Luciana Riommi Baldaccini - 27/05/2013 12:05:00 [ leggi altri commenti di Luciana Riommi Baldaccini » ]

terribilmente evocativa, talmente densa di significato che chiede di essere riletta, ogni volta con il senso di non averne colto appieno tutte le sfumature. Una gita al lago veramente proficua!

 Leonora Lusin - 26/05/2013 23:14:00 [ leggi altri commenti di Leonora Lusin » ]

cOGLIE L’ANIMA, FERMA IL TEMPO:MAGNIFICA

  Cristina Bizzarri - 26/05/2013 22:46:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Io la chiamo banalmente, non trovando altre parole, illuminazione. Poetica, linguistica, incontro tra il dire e il detto. Lavorata sulla spontaneità. Come un fermo immagine, dove tutto assume, deformato, rallentato, una forma che non ci aspettavamo. E in un simile momento anche il pensiero della caducità si riposa, sentendo che è immerso in una realtà ben piú grande. E tutto è come dilatato, subacqueo, tace il dolore, tace il desiderio. Una strana ironica allegria, un senso delle rose persistente, dice di noi, dice del mondo. E di noi che siamo. Fantastica
Loredana. Fantastico un linguaggio che socchiude la porta del mondo!


 Cristiana Fischer - 26/05/2013 22:09:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

tutta la seconda parte, da "S’udiva il sordo suono della caducità" fino alla fine la trovo splendida, il passaggio dall’improvviso torbido all’esatto e fermo, al momento di render(e)si giustizia

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.