LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Marco G. Maggi
Gott mit uns

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Gott mit uns! 

La solita storia
bisogna scomodare un dio
-uno qualsiasi-
per giustificare le barbarie
e tutta la viltà
la sconsolante pochezza
dei piccoli uomini
quando si convincono
di essere grandi.

 Marco G. Maggi - 22/05/2019 11:16:00 [ leggi altri commenti di Marco G. Maggi » ]

Grazie Gil, un commento che dà valore alle mie umili parole, e che condivido pienamente...

 Gil - 21/05/2019 08:20:00 [ leggi altri commenti di Gil » ]

Il lavoro delle forme può mutare l’esito finale di un’opera d’arte, ma la sua essenza rimarrà inafferrabile; trascende lo strumento la musica, trascende strumento e note l’esecuzione
. Opportuno è stata la pubblicazione di questo testo nel suo alveo naturale: la Poesia, poiché urge il tempo dei poeti questo tempo di barbarie che ha dinenticato che cosa sia dell’umano la Poesia. Fu profeta il "Dosto": la Bellezza salverà il mondo" (anche quello della politica) E non fu "idiota" chi lo disse...

 Marco G. Maggi - 20/05/2019 19:24:00 [ leggi altri commenti di Marco G. Maggi » ]

Cristina, che piacere rileggerti, anche se solo in un commento-monosillabo.
Antonio, forse chiamare questo testo “poesia” è un po’ pretenzioso e avrei fatto meglio a pubblicarlo tra i “pensieri”, perché di questo si tratta: un pensiero, ad alta voce, in versi, che ho voluto condividere qui su La Recherche.
Grazie della vostra lettura e grazie, Antonio, per il tuo commento. A presto

 Antonio Terracciano - 20/05/2019 18:43:00 [ leggi altri commenti di Antonio Terracciano » ]

Si può anche non essere completamente d’accordo sul bersaglio politico di questa poesia, si può anche ricordare che qualche Dio prima o poi lo tirano fuori in tanti (non solo i nazisti, ma ad esempio anche i democraticissimi americani, che continuano a stampare "In God we trust" sui loro amatissimi dollari) , ma il modo in cui essa è scritta riconcilia (dopo tanti lavori astrusi, dei quali non riesce a venire a capo) il lettore comune con l’arte poetica. Direi che qui è presente la chiara essenzialità del miglior Montale (che secondo me fu l’ultimo, quello di "Satura" ) : manca, forse, soltanto un po’ della sua ironia (che non guasta mai, soprattutto quando si ha a che fare con argomenti che riguardano da vicino la storia) .

 cristina bizzarri - 20/05/2019 12:30:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]


 cristina bizzarri - 20/05/2019 12:30:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]


Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.