LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Oreste Villari
Carabina divina

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
L'ho letto sul giornale tempo fa:
"Pescatore di quindici anni ucciso da un fulmine nel mare antistante Siracusa".
Un trafiletto di cronaca dimenticato ed io mi scuso, non ricordo neppure il nome dello sfortunato. Mi sia permesso, lo chiamerò Salvatore.

Salvatore, ricci neri e occhi furbi che tradivano l'origine saracena, era nato e vissuto a Siracusa. A scuola non era il primo della classe ma sapeva riconoscere le spigole dalle orate al solo tocco.
Lo aveva imparato dal padre quando era ancora piccolo.
Era il primo ad uscire al suono della campana e a raggiungere di corsa il porto dei pescatori: il suo paese dei balocchi.
Inutile insegnargli di Garibaldi o del Risorgimento, erano le reti e i palamiti il fascino irresistibile del suo spicchio d'Italia. Nella sua immaginazione l’Italia era unita da una smisurata serie di lenze e di ami, di reti e di fari.
Un paese galleggiante e lui al largo con i suoi sogni sapeva di essere a casa.
Come unico confine, in lontananza, il luccicare più intenso di una corrente capricciosa.
Era cresciuto così, ed insieme al padre affrontava il mare ogni benedetto giorno.
Calmo o in burrasca, ma mai tremendamente noioso come le giornate trascorse a disegnare pesci durante il compito di matematica. L'unica operazione che conosceva a memoria era quella che stabilisce la profondità a cui calare i palamiti e il numero di ami.
Pescatore per vocazione.
Già, le vocazioni, sempre meno numerose, sempre piu' difficili.

Quel giorno di Primavera il cielo era di piombo, incollato a un mare appena increspato. Regnava la tranquillità tipica che annuncia pioggia e Salvatore lo sapeva ma sapeva anche che il mare resta più calmo quando piove.
Allo scalo, misurava con occhio esperto la distanza tra gli ami, verificava lenze e galleggianti. Il padre lo aiutò a mettere in acqua la barca, un’occhiata d’intesa era il loro modo di salutarsi.
A remi sino a fuori la diga e dopo, un piccolo entrobordo avrebbe garantito la rotta da seguire. Quella del pesce.
Una pioggia fitta e sottile iniziò presto a tamburellare il mare.
Acqua sotto, acqua sopra.
Salvatore, pesce tra i pesci, stretto al timone, sospeso sull’abisso a un miglio dalla costa.

La carabina divina, con un colpo secco, lo sorprese mentre sognava una pesca miracolosa e in un lampo, senza chiedergli nulla, lo proiettò nel sogno.
Mi piace pensare sia andata cosi’.
L'ultima delle vocazioni richiamata dal Creatore per reinsegnare a noi la via.
Quella che attacca l’uomo alla vita, al lavoro, alle sue passioni, quella che annoda tutte le nostre lenze allo stesso identico destino.

Ciao Salvatore, vorrei poterti stringere nel più forte degli abbracci.

 Mazzarello - 04/01/2011 19:31:00 [ leggi altri commenti di Mazzarello » ]

Zeus è quello dei fulmini, nel mito che Oreste adombra sembra che Tore sia stato sottratto alla terra e portato sull’Olimpo, in questa vicenda tutta elettrica.

 Loredana Savelli - 04/01/2011 10:57:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Bellissima, commovente testimonianza.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.