LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Rosa Maria Cantatore
Poni bene la mente

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Foschie salmastre s’arrampicano sui vetri

gravano su orizzonti

stritolati dal buio.                       

 

Collane di lumi

decorano tristezze

in ordine sparso,

celebra la sera

liturgie consuete.

 

Poni bene la mente e l’orecchio…

un salmodiare s’avverte

di sconfitte.

 Rosa Maria Cantatore - 21/08/2019 23:47:00 [ leggi altri commenti di Rosa Maria Cantatore » ]

come posso ringraziare chi, costantemente, legge e commenta le cose che scrivo? e non con un semplice "bella" o "mi piace"?

grazie dunque ad Alberto, a Lino, a Giovanni.
E grazie ancora.

 Alberto Becca - 17/08/2019 14:06:00 [ leggi altri commenti di Alberto Becca » ]

Atmosfere mistiche, estatiche, paesaggi surreali e indefinite aleggiano su questa bella poesia, che al tempo tesso è preghiera, meditazione e regionamento... le attuali laiche liturgie semmbrano connotate da una inspiegabile ma inesauribile tristezza... Ogni giorno ciascun vivente sperimenta la sconfitta, la negatività, il fallimento, la sofferenza. E’ necessario e salutare (dis)porre bene la mente su queste esperienze

 Lino Bertolas - 14/08/2019 14:53:00 [ leggi altri commenti di Lino Bertolas » ]

Versi che dicono e non dicono, ma lasciano spazio a sensazioni che molti provano o hanno provato. Ci si lascia ammaliare dal pathos di questa poesia.

 alberto becca - 13/08/2019 15:20:00 [ leggi altri commenti di alberto becca » ]

è un testo quasi mistico, liturgico, che evoca atmosfere proprie di un convento di clausura o della dimora di un monaco che solitario medita sul senso dell’ esistere e sui destini del mondo: non vi sono dubbi che tutti gli essere viventi possono confermare come (quasi) ogni giorno sia costellato di "tristezze in ordine sparzo" , di consuete liturgie e di un salmodiare non sempre rivolto al Creatore, bensi’ a beni terreni o a persone nostri consimili spesso non meritevoli di tale attienzione. In sintesi la poesia è anmche un mònito per tutti noi (poni bene la mente e l’orecchio !!!) Grazie all’ autrice e alla sua spiritualità

 Giovanni Rossato - 12/08/2019 18:49:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Rossato » ]

Immagini non banali dove tutto trasfigura e si fa essenza nelle tue parole. E’ banale dirti solo grazie.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.