LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Lorenzo Tosco
Abbasso la metrica e la rima!

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Hanno troppa ragione quei poeti
nostri grandi maestri e correttori
a dire che la metrica e la rima
ingabbiano il pensiero e la poesia.

Infatti che valore ha scriver verso
in metrica ed in rima, che disastro,
occorre un nuovo metodo diverso ...
sol così di poesia si vede l’astro!

Dante ed i sommi in era pur lontana
scrissero versi alquanto accomodati
ed ebbero successo, che fortuna,
ma troppo invero son considerati.

Tanto stupendo, lo dobbiamo dire
è scrivere un pensiero adesso in prosa
che poi provvederemo a spezzettare
andando a capo, e assai verrà allungato.

La poesia in tal caso molto vale
ed è gustata dagli intenditori,
basta Ungaretti, e poi segua Montale,
ma certi imitatori ...stiano fuori!

Che dire di quel genere orientale
che riempie ogni sito di poesia
e che in lirica certo è eccezionale,
attualmente il più grande che vi sia.

Domina specialmente qui da noi
che ben poco copiamo allo straniero,
ma questa volta il giapponese puoi
vedere superato per davvero!

Il fatto è che costa assai fatica
scrivere in cinque sillabe due versi
intervallati, e farlo è grande impresa,
da un verso addirittura settenario!

Visti gli esempi assai meravigliosi
di poesia senza metrica né rima
ch’è lo sforzo di chi non la sa fare
abbandoniamo questo antico stile

e proponiamo al prossimo avvenire
una novella forma di poesia
per chi ad ogni costo vuol riuscire
molto sfruttando il fisico e la mente.

Si ponga del poeta nell’assetto
sentendosi per tale sforzo stanco,
scriva soltanto il titolo in grassetto
e il susseguente lasci pure in bianco!

NB. Una strimpellata ironica (credo) in endecasillabi in parte rimati e in parte no, ma sempre all'insegna della musicalità. La rima assieme alle sillabe (decasillabi, endecasillabi, senari, ottonari o altro) rende una musicalità che non sono in grado di dare poeti improvvisati che spezzettano una pessima prosa. Inoltre la musicalità del verso la si deve sentire nell'intimo, senza ricorrere a quel forzato rimare secondo studi imparati dai libri (es: iato, sinafele, sillabe tronche, enjambement etc.), mentre la sanno dare, essenziale alla poesia, tanti bravi noti ermetici.
La rima ordinata è sempre criticata da tutti quegli improvvisati poeti che non la sanno esercitare malgrado lo vorrebbero, e quindi la criticano e si lasciano andare a certi orrori spezzettando una prosa a piacere. Non costa sforzo intellettuale e fatica, scrivere in rima si! E se ne vedono gli effetti ...

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.