LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Salvatore Pizzo
è

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Una guerra è una guerra: come vaso

di Pandora che, appena scoperchiato

ci vomiti addosso tutto l'orrore

che ci alberga compresso furore

retorica d'onore e merda, così

il conflitto n'esce urlante dai cuori

razionalizzato urto nelle menti

menzogna. Ed hai voglia a trovarci chiare

responsabilità: torti o ragioni, tutto

finisce in un vortice di sangue

accecante ognuno, giusti o non giusti.

Ma non per questo dobbiamo stancarci

di trovarci le parti: dei liberi

che ci hanno trovato la morte

pugnando per le altrui libertà a teatro

e degli ingiusti che ci hanno portato

in recita, fuori fogna, fascismo.

 

 Salvatore Pizzo - 25/04/2019 19:43:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Elsa:
Grazie, una volta di più anche per la precisazione...

 Salvatore Pizzo - 25/04/2019 19:40:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Elsa:
Felicissimo per questa tua condivisione, mia cara Elsa. Grazie di cuore anche per il saluto artropodico...
eheheheh!!!!

 Salvatore Pizzo - 25/04/2019 19:37:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Lino:
Credo che sia molto importante contestualizzare e discernere. Ovvero attribuire a ciascuno le proprie responsabilità, dal momento che, il tempo, finisce per confondere le vittime con i carnefici. Credo che, distinguere, sia l’unico modo per cercare di pacificare la bestia ch’è in ognuno di noi. E che tende sempre a riemergere, ogni qualvolta la memoria comincia a venir meno...
Grazie di cuore anche per la condivisione

 Salvatore Pizzo - 25/04/2019 19:30:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Franca:
E’con profonda tristezza ed inquietudine che ti rispondo, mia cara Franca: mai come in questo periodo ho sentito l’esigenza di esternare questo timore. E’ vero che la storia non si ripete, come detto da qualcuno, se non in farsa. Però è anche vero che al peggio non c’è mai fine come ripetuto da altri e come dimostrato dalla Storia. E’ questa sorta di apatia , venata da revanscismi e visceralità a sprazzi e schizofrenica, a preoccuparmi. Un’apatia, quando non dicasi complicità aperta, a far nascere timori sul futuro prossimo della democrazia, così stretta tra nazionalismi imbellettati da sovranismi e xenofobia indotta e galoppante...
Grazie di cuore con un più che caro saluto.

 Salvatore Pizzo - 25/04/2019 19:23:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

X Giovanni:
Grazie a te, mio caro Giovanni, anche per averli condivisi.

 Elsa Paradiso - 25/04/2019 07:37:00 [ leggi altri commenti di Elsa Paradiso » ]

Naturalmente è un <acaro> da intendersi assolutamente <caro>.

 Elsa Paradiso - 25/04/2019 07:35:00 [ leggi altri commenti di Elsa Paradiso » ]


Come non condividere?
Ma tutti dovremmo imparare dagli animali!
Un acaro saluto.

 Lino Bertolas - 23/04/2019 10:20:00 [ leggi altri commenti di Lino Bertolas » ]

Versi duri che parlano delle tragedie lontane e vicine del genere umano. Giusto però, come tu dici, trovare le distinzioni, le responsabilità (almeno provarci). Poesia di respiro civile.

 Franca Colozzo - 23/04/2019 10:03:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Tutta la tristezza di questi giorni è coagulata in un urlo strozzato che fuoriesce, come tutti i mali, dal vaso di Pandora.
Ma al di là di una tratteggiata apocalisse, di un’infamia che ci colpisce inermi, si eleva sempre il tuo appello alla speranza, alla vita che ci sostiene anche nei momenti più drammatici della nostra esistenza. Anche tra le macerie può nascere un fiore.
Buona Pasqua rinnovata lungo il cammino della poesia. Serena giornata.

 Giovanni Rossato - 22/04/2019 23:00:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Rossato » ]

Versi giusti.
Grazie Salvatore

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.