Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Biografia di Antonio Colombo [ sito web ]

Sei nella sezione Biografie
aggiorna la tua biografia »

Pagina aperta 2633 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Sep 30 13:15:00 UTC+0200 2020

« indietro | versione per la stampa | segnala ad un amico »


 

Freedom is my middle name

Antonio Colombo scrive romanzi da qualche anno, dopo un inizio come compositore di poesie; è una passione cresciuta e maturata col tempo, che abbina fantasy e riflessioni sulla vita e sul nostro esistere nel cammino del tempo.

 

 

Ha pubblicato finora i seguenti romanzi: “Jedna” (2007), è un libro scritto a sei mani; emozionale, uscito dallo stomaco come un bisogno primordiale, racconta personaggi della vita, coi loro sogni e la loro visione del mondo.

 

 

“Nel profondo della notte blu” (2009), è un’opera composita: storie del passato dentro a racconti sul futuro, a dimostrazione che passato e futuro sono contigui e che i gesti di ieri determinano il domani. Nel 2010 la giuria del Concorso Letterario Città di Cattolica ha assegnato al romanzo il Premio della Giuria per la categoria Opere Librarie Edite con la seguente motivazione: “Per la capacità di descrivere il mondo interiore in chiave completamente diversa da come la si vive abitualmente”.

 

“1659 – A Googol Stories” (2010), è un’insieme di storie inanellate fra loro, che si svolgono in tempi e luoghi differenti, storie di mondi che verranno e di un futuro da modellare. Il racconto è pervaso dalla convinzione che il raziocinio non possa essere l’unico filo conduttore della nostra esistenza e il messaggio principale é che dobbiamo riprenderci il futuro agendo affinché sia migliore del passato.

 

“L’Equilibrio del Vento” (2012), il romanzo inizia con un collage di brevi racconti e di situazioni raccontate dal misterioso, quanto scorbutico, protagonista che si lascia, in qualche modo, conquistare da una ragazzina, la quale diventa la sua confidente e involontario motore degli avvenimenti che seguiranno.

 

“Codice Celeste” (2012), il genere umano è controllato da un codice che ne definisce il comportamento, un codice che col tempo è stato corrotto permettendo agli uomini di fare tutte le nefandezze accadute nella storia; esiste però la possibilità di ripristinare il codice originale, permettendo agli uomini di entrare in una nuova era di luce e prosperità. Un romanzo che regala speranza in questi tempi bui.

 

 

"MANDI" (2013), il racconto ha inizio su una nave spaziale adibita al controllo delle mutazioni climatiche della Terra.
Il protagonista, Mandi, è un diversamente abile, un ingegnere informatico specializzato in intelligenza artificiale e nanotecnologia, con lui sulla nave ci sono anche alcuni scienziati per effettuare esperimenti in condizioni di assenza di gravità. 
Il comandante della nave è una donna, Lia, a cui Mandi racconta la sua infanzia e le vicissitudini della sua famiglia.
Sulla Terra si verificano continui sconvolgimenti climatici, gli scienziati a bordo della stazione spaziale non riescono a capirne le cause e la situazione sta diventando critica.
Lia, a seguito dell’aggravarsi delle condizioni climatiche, ordina a Mandi di anticipare l’installazione, su un robot di ultima generazione, di un aggiornamento tecnologico atto ad aumentarne le potenzialità.
Il robot acquisisce un’enorme intelligenza, di gran lunga superiore a quella del genere umano, e svela a Mandi le cause degli sconvolgimenti terrestri e come porvi rimedio.
Grazie alle informazioni ricevute dal robot gli uomini riescono a porre fine ai fenomeni distruttivi, il robot è però diventato un pericolo per la sopravvivenza del genere umano e deve essere quindi distrutto.
La storia termina con due differenti epiloghi, entrambi possibili.

www.antoniocolombo.net
Twitter : @TonyColombo56

Indirizzo e-mail : Antonio_Colombo@libero.it


 

 Dialoga con Antonio Colombo / Commenta [ lascia un commento ] [Δ]

1 :: Enrico Gerosa - 18/11/2011 17:20:00
[ leggi altri commenti di Enrico Gerosa » ]

Sei fantastico.
Anche io ho scritto 4 libri, tutti sul Golf.
Ciao
Enrico