:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Biografia di Luca Gamberini

Sei nella sezione Biografie
aggiorna la tua biografia »

Pagina aperta 1269 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Oct 20 03:25:00 UTC+0200 2021

« indietro | versione per la stampa | segnala ad un amico »


 

La natura costruisce demolendo, l’uomo demolisce costruendo.

Nato a Bologna.

Vivo e non lavoro a Cento.

 

2008 - Come un cane con un cane... Fogli sparsi inseguono la saggezza delle vele (Poesia)

2013 - Racconti per bambini adulti (Narrativa)

2016 - Mi sgridi i piedi (Poesia)

2018 - Enciclopedia del far niente (Poesia)

2019 - The best of ( Poesie, aforismi, racconti)

 

 

Mi sono stancato di tante cose, già al solo pensiero di elencarle tutte mi pervade un senso di estenuazione compulsiva. Spendo ed accumulo energie concentrandomi sul non fare niente, è così impegnativo riuscire a non fare nulla, pare comodo e facile ma non è così, richiede attenzione, quella che non viene portata nel fare le cose, richiede presenza costante, sacrificio, rinuncia. Sono figlio e padre dei miei guai, portavoce della mia nullità, sto bene immerso nell'acqua poiché il mio corpo dimentica il dolore e la mente riposa, mi sento, in quei momenti, come l'indifferenza del perseguitato. Mi estinguo al confronto, i miei occhi sono farfalle che volano, di culo in culo, o sui girasoli marchigiani, sul pane del molise, ma in acqua stanno chiusi. Ho conosciuto donne terribili e donne che avrebbero meritato molto di più di un personaggio, ma la realtà non è più realtà quando si fa parola, già è difficile possa reggere uno sguardo, figurarsi una voce. Le parole contengono una superficialità morale che i gesti non possiedono, ogni sogno nasce da una privazione; in un mondo fatto di niente e vissuto in mezzo al niente non si avvertirebbe la necessità di sognare, i sogni vertono sul niente fatto cosa, la siccità del fiume ne è l'esempio più lampante. Ti hanno mai chiesto come stai? Che stai facendo? Non ti stanno pensando, ti stanno usando, modi di prendere tempo, di perdere tempo, manca l'acqua lungo il corso e ti chiedono di riempirlo d'inchiostro, ma l'inchiostro non si beve, la dà solo a bere, poi si fuma anche, ed è importante saper rollare quando non si sa fare niente. Sulla spiaggia vendevano ventilatori, sono terminate tutte le certezze, forse i veri eroi dei nostri tempi sono coloro che non ce l'hanno fatta, forse anch'io.

 

Morirò solo.

 

 Dialoga con Luca Gamberini / Commenta [ lascia un commento ] [Δ]

4 :: Luca Gamberini - 31/05/2020 07:03:00
[ leggi altri commenti di Luca Gamberini » ]

Grazie di cuore Gil!!!

3 :: Gil - 30/05/2020 19:29:00
[ leggi altri commenti di Gil » ]

Buon compleanno, Luca!

2 :: Luca Gamberini - 30/05/2017 10:46:00
[ leggi altri commenti di Luca Gamberini » ]

Grazie Nando :-)

1 :: Nando - 30/05/2017 06:06:00
[ leggi altri commenti di Nando » ]

Buon compleanno, Luca!